Rumors sul calendario

Milano Moda Uomo: in passerella a gennaio meno formale e più contemporary

Anche se non è ancora pronto il calendario ufficiale di Milano Moda Uomo, in base ai primi rumors raccolti a proposito delle sfilate - in programma dal 14 al 17 gennaio - una cosa è sempre più certa: molti marchi del formale, tra cui Boglioli, Corneliani, Canali e Pal Zileri, rinunciano alla passerella per una presentazione.

 

In compenso i nomi nuovi e i rientri previsti sono nel segno della moda contemporary e outsider: da N. 21 a Cédric Charlier, da Moschino a Frankie Morello, fino a Plein Sport e Billionaire.

 

In base a quanto trapela dalle aziende, che in questi giorni stanno mettendo a punto con la Camera Nazionale della Moda Italiana la scaletta degli show, la fashion week incomincerà la sera di venerdì 13 gennaio con la sfilata di Ermenegildo Zegna, che torna in calendario dopo sei mesi di break, per presentare la prima collezione disegnata da Alessandro Sartori. Sfilerà probabilmente il venerdì anche Ports1961.

 

La giornata più critica della manifestazione sembra essere quella inaugurale, ovvero il sabato. Secondo quanto risulta a fashionmagazine.it, non hanno confermato i loro slot sfilata né Canali né Jil Sander, e neppure Pal Zileri, preferendo una presentazione.

 

Il sabato era anche la giornata di Corneliani, che sei mesi fa aveva saltato l'appuntamento con la fashion week, ma che a lungo in passato aveva avuto il compito di inaugurare Milano Moda Uomo. Il marchio mantovano ha fatto sapere che a gennaio opterà per una presentazione.

 

Il sabato sera ci sarà il grande ritorno di Moschino, che presenta a Milano, dopo gli show di Londra, Firenze e Los Angeles, la sua collezione maschile nello slot occupato precedentemente da Philipp Plein, in trasferta a New York.

 

Ma Plein non rinuncerà alla sua presenza nel capoluogo lombardo, che ne ha decretato il successo internazionale e per questo sta lavorando a ben due sfilate, da inserire (la data è per il momento Tbc) nel calendario di gennaio: quella della collezione Plein Sport, che alla prima stagione ha già conquistato 500 punti vendita, e quella di Billionaire.

 

Rispetto a sei mesi fa, le defezioni della domenica dovrebbero essere Boglioli (in fase di riflessione dopo l'uscita del ceo Giovanni Mannucci) e Rich di Saverio Moschillo. Invece è certa l'assenza di Vivienne Westwood, che organizzerà a Londra uno show unico.

 

Il grande assente del lunedì è Gucci, che a partire dal 2017, come da tempo annunciato, inizia l'era della sfilata unica a febbraio e a settembre. Una strada seguita anche da Bottega Veneta.

 

Sparisce definitivamente dal calendario del capoluogo lombardo anche Calvin Klein, che con il nuovo corso legato all'arrivo di Raf Simons si sposta a New York, unificando i due défilé.

 

Il lunedì dovrebbe però essere anche giornata di grandi ritorni e debutti: Cédric Charlier, designer belga prodotto sempre dall’italiana Aeffe, farà sfilare lunedì 16 l’uomo e la donna per l’autunno-inverno 2017/2018. Sempre lunedì, alle 16.30, ci sarà poi il comeback del menswear di N°21 di Alessandro Dell’Acqua.

 

Non ci sono indiscrezioni per il momento intorno al martedì, che la scorsa stagione aveva visto come unico show programmato quello di Giorgio Armani.

 

Intanto circolano i nomi di altre new entry interessanti come Frankie Morello, forte del nuovo assetto proprietario, che sarà presente con una sfilata unica e il marchio Palm Angels fondato da Francesco Ragazzi, noto nel settore per essere l'art director di Moncler (nella foto, una proposta Plein Sport). 

 

 

stats