Sfilate Uomo a Parigi

Haider Ackermann strizza l’occhio al new punk, in attesa di presentare Berluti

Pied de poule giganti, tartan, pelle nera, velluto liscio, in un mix di pattern e di colori forti, per l’uomo di Haider Ackermann che interpreta il modo di vestire come un patchwork non solo di materiali, ma anche di pezzi, all’insegna di un’eleganza moderna apparentemente “distratta”.

 

Come ha raccontato lo stilista a wwd.com nel backstage: «Sono sempre attratto dal bel vestire, anche se amo il disordine, come quando ti vesti al mattino in modo istintivo e casuale».

 

In passerella ieri, 18 gennaio, dall’over coat militare rosso scuro ai giubbini e pantaloni in pelle, dagli abiti con contaminazioni in velluto alle felpe con cappuccio fino ai panta a righe e in tartan, per non parlare di dolcevita, gilet e canotte che spuntano un po’ ovunque: il tutto in un gioco di sovrapposizioni che lasciano ampio spazio alla libera interpretazione del proprio look.

 

Domani alle 20 Ackermann debutterà alla guida stilistica di Berluti e, viste le premesse, non è difficile ipotizzare importanti sorprese.

 

 

stats