TREND

Missoni oggi, Duro Olowu ieri: i look di Michelle Obama a Milano

Svelato il nome dello stilista della mise indossata da Michelle Obama nell’intensa giornata di ieri (17 giugno) a Milano. La vistosa gonna a ruota con stampa di gusto etnico, abbinata a un corpetto nero, è di Duro Olowu. Mentre per la visita a Expo di oggi la fist lady americana ha scelto una griffe italiana: Missoni.

 

L’abito di oggi (nero a greche colorate, della collezione primavera-estate 2015 di Missoni, nella foto) conferma l’abitudine di Michelle Obama di omaggiare il Paese nel quale è in visita, anche attraverso la scelta dei capi. Il vestito di Missoni appare particolarmente in sintonia con i gusti della first lady e ne valorizza la figura con la sua linea asciutta.

 

Il look di ieri contribuisce invece a portare alla ribalta in Italia il lavoro di Duro Olowu. 50 anni, ha avuto successo con la sua linea fin dal debutto da Barneys nel 2014, riuscendo, grazie a testimonial come la stessa Michelle Obama e Solange Knowies, a imporsi sulla scena internazionale con le sue creazioni cariche di stampe, etniche e bohémien.

 

I capi di Duro Olowu sono un abile mix del suo background: cresciuto in sofisticati ambienti del Lagos da padre nigeriano e mamma giamaicana, ha trascorso le sue estati a Ginevra, per poi studiare all’Università di Canterbury, concedendosi tuttavia un anno e mezzo a Parigi, per ispirarsi al suo idolo Azzedine Alaïa.

 

Ha lavorato come avvocato a Londra fino a 11 anni fa, quando ha deciso di lanciare la sua collezione. Vive fra New York e la capitale inglese, dove ha una boutique in cui gli abiti sono esposti insieme a fotografie del Mali degli anni Sessanta, collane in ottone che una volta pendevano dai cavalli reali in Marocco e libri di Helmut Newton e Guy Bourdin.

 

Recentemente ha iniziato a occuparsi anche di arte, curando la mostra “More Material” alla galleria Salon 94 Bowery a New York: un interessante assemblaggio dei suoi disegni, di antichi costumi africani e dei lavori di più di 60 artisti, inclusi Rachel Feinstein e Laurie Simmons.

 

 

stats