WOMEN'S EMPOWERMENT

Dior apre le porte di avenue Montaigne a 100 studentesse

I proclami femministi di Maria Grazia Chiuri, direttore creativo di Christian Dior, non rimangono solo sulle T-shirt. La storica maison è passata ai fatti con The Women@Dior, un programma di mentoring che ha riunito a Parigi 100 studentesse di moda di tutto il mondo, abbinate ad altrettante giovani dipendenti della fashion house.

 

Nelle due giornate previste per l'evento (il 12 e il 13 marzo) le allieve dei migliori istituti internazionali (tra cui Hec Paris, Essec, Polimoda, Bocconi e Central Saint Martins) hanno varcato la soglia degli uffici di avenue Montaigne in coppia con le lavoratrici (tutte under 30) impiegate in diverse divisioni dell'azienda francese, per vedere di persona spazi solitamente off limits, ascoltare dal vivo e conoscere da vicino il mondo di questa griffe, dagli esordi con Monsieur Dior al presente, dettato dallo stile e dalla sensibilità della stilista italiana.

 

Education, Empowerment ed Elevation i tre perni attorno a cui è ruotato il meeting, che si è snodato attraverso workshop a piccoli gruppi con i manager Dior, la visita agli archivi e agli atelier di haute couture e prêt-à-porter, con la possibilità di scambiare idee e impressioni e rivolgere delle domande al presidente e ceo Sidney Toledano.

 

Lanciato nel 2017, il programma di mentoring ha il supporto di Maria Grazia Chiuri, che su questi temi ha incentrato la propria filosofia creativa, espressa sin dalla sua prima collezione con il messaggio We Should All Be Feminists, impresso sulle magliette fatte sfilare in passerella.

 

L'iniziativa si inserisce nel progetto a più ampio raggio promosso da Lvmh, al fine di abbattere il gender gap nell'ecosistema del gruppo francese.

 

In occasione dell'ultima edizione di Dare EllesVMH, tenutosi dal 6 al 9 marzo in Italia presso H-Farm, il colosso del lusso ha annunciato di volersi impegnare a raggiungere la percentuale del 50% di donne nei ruoli apicali entro il 2020.

 

Nel 2007 le donne nelle posizioni dirigenziali di Lvmh erano al 23%, oggi sono arrivate al 40%.

 

 

stats