a Venezia

Iuav: mille ospiti al Graduation Show degli stilisti di domani

Grand event a Venezia per assistere al Graduation show dello Iuav, una passerella dedicata alle migliori collezioni di abbigliamento e accessori realizzate dai laureandi dell'università lagunare. Sotto i riflettori anche il frutto di uno speciale laboratorio creativo, promosso da Xacus e Albini.

 

«L'innocenza del muro»: questo il titolo dell'happening curato dai corsi di laurea in design della moda a chiusura dell'anno accademico, che il 30 giugno ha visto salire in passerella le creazioni dei laureandi del corso triennale e di quello magistrale,coordinati da nomi top come Veronika Allmayer-Beck, Arthur Arbesser e Fabio Quaranta.

 

Location inedita, San Basilio, a ridosso del canale della Giudecca: 100 metri di asfalto tra Arterminal e l’area Ex Magazzini Frigoriferi, che hanno fatto da palcoscenico alla creatività, spesso avveniristica, della nuova generazione di talenti coordinati da Maria Luisa Frisa, direttrice della triennale in Design della moda.

 

Un appuntamento che è riuscito a conquistare l'attenzione di mille ospiti, tra cui - seduti front row - Zhu Chong Yun, owner di Krizia, Lucia Boscaini, brand e heritage curator Bulgari e la stilista cinese Uma Wang.

 

Per far conoscere più da vicino i giovani protagonisti in laguna, il giorno prima (29 giugno) si è svolta anche una visita guidata all’interno degli spazi di studio e lavoro dei corsi in moda, animata da una mostra temporanea con i ritratti fotografici inediti degli studenti-designer realizzati da Augusto Maurandi.

 

Il Graduation Show è stato inoltre l'occasione per presentare il frutto del sodalizio di due aziende rappresentanti del made in Italy come Xacus e Albini: una collaborazione avviata nel 2016, per festeggiare rispettivamente 60 anni e 140 anni di attività e che è arrivata fin sui banchi dell'università veneziana.

 

Dopo essere stati alleati per il lancio di 200yrs, capsule collection che celebra appunto 200 anni di eccellenza, l'azienda vicentina di camicie e la realtà bergamasca, leader europea nella produzione di tessuti per camiceria, hanno utilizzato i proventi delle vendite di questo progetto per finanziare un laboratorio creativo dedicato alla camicia e condotto dal designer Carlo Contrada nell'ambito della laurea triennale.

 

Come conclusione del ciclo didattico, agli allievi dello Iuav è stato chiesto di interpretare in modo personale un capo clou del guardaroba come la camicia, potendo contare sul savoir-faire specialistico di Xacus e dei tessuti Albini (nella foto, una creazione di Cataldo Liuzzi).

 

stats