a milano

Fondazione Prada: Sala, Celant, Cattelan e altri all'opening della Torre

Il sindaco Sala con l'assessore alla Cultura Filippo del Corno, Germano Celant, Maurizio Cattelan, Damien Hirst, Francesco Vezzoli, Rem Koolhaas e molti altri: il mondo delle istituzioni, della cultura e dell'arte ospite ieri sera (18 aprile) di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, in occasione dell'inaugurazione della Torre della Fondazione Prada.

 

L'edificio, aperto al pubblico da domani 20 aprile, segna il completamento della sede milanese della Fondazione, inaugurata nel maggio 2015 e progettata da Rem Koolhaas insieme a Chris van Dujin e Federico Pompignoli dello studio OMA.

 

Alta 60 metri e sviluppata su nove piani, la Torre è realizzata in cemento bianco strutturale a vista, con le facciate esterne caratterizzate da alternanze di vetro e cemento.

 

Ciascuno dei livelli - metà a base trapezoidale e gli altri a pianta rettangolare - offre una percezione particolare degli ambienti interni, attraverso una specifica combinazione di pianta, altezza e orientazione. Variabile l'altezza dei soffitti: dai 2,7 metri del primo piano, agli otto dell'ultimo.

 

Come ha spiegato Koolhaas, il filo conduttore del progetto è l'amalgama delle diversità, «che produce un'estrema varietà spaziale, all'interno di un volume semplice, in modo che l'interazione tra gli ambienti e i singoli progetti o opere d'arte offra un'infinita serie di possibili configurazioni».

 

All'interno dei sei livelli espositivi della Torre trova spazio il nuovo progetto Atlas, nato da un dialogo tra Miuccia Prada e Germano Celant, soprintendente artistico e scientifico della Fondazione: riunisce quadri e sculture della Collezione Prada - realizzate tra gli altri da Jeff Koons, Carla Accardi, Damien Hirst, Carsten Höller e Walter de Maria, in un arco di tempo dal 1960 al 2016 - e si apre a interventi temporanei e tematici, eventi, possibili integrazioni con altre collezioni e istituzioni.

 

Da non perdere, al sesto piano della nuova costruzione, il ristorante Torre, di prossima apertura, con arredi originali del Four Seasons Restaurant di New York (disegnato da Philip Johnson nel 1958) e opere di Carsten Höller, Lucio Fontana, William N. Copley, Jeff Koons, Goshka Macuga e John Wesley. Alle pareti piatti d'artista realizzati per il ristorante da John Baldessari, Thomas Demand, Nathalie Djurberg e Hans Berg e altri. 

 

Tocco finale, la terrazza: concepita come uno spazio flessibile, accoglie un bar ed è caratterizzata da una decorazione optical in bianco e nero per quanto riguarda il pavimento e da un rivestimento del parapetto in specchi, che crea un effetto di riflessione, in grado di eliminare visivamente la barriera tra lo spazio e la vista a 360 gradi su Milano (nelle foto, da sinistra: Beppe Sala e la compagna Chiara Bazoli, l'esterno della Torre e Miuccia Prada con Luc Tuymans e Rem Koolhaas).

 

 

 

stats