Brand to watch

I cappelli di Inverni: il made in Tuscany che piace ai buyer internazionali

Nata nel solco della tradizione della paglia fiorentina, Inverni è un'azienda famigliare di cappelli con un heritage ultracentenario, reinventato e riletto con uno spirito contemporaneo grazie alla passione di tre donne, che hanno proiettato le loro creazioni nei templi del lusso internazionali. Oggi il marchio fattura 3 milioni di euro.

Fondata nel 1892 dal maestro cappellaio Francesco Inverni, l'attività è stata rilevata negli anni Ottanta dal pronipote Mario Cirri, che ne ha affidato la conduzione a sua moglie Roberta e alle figlie Maria e Paola.

Dai vecchi bauli di proprietà dell'azienda, dove una volta si riponevano i cappelli per affrontare i viaggi commerciali in giro per l'Europa, sono usciti allora oltre 1.000 prototipi di intrecci risalenti ai primi decenni del Novecento, realizzati con materiali oggi introvabili.

Paglie finissime, organze e velluti, velette con lavorazioni tipiche del pizzo, piumaggi dalle sfumature inedite sono state il punto di partenza per la sfida che ha visto Roberta, Maria e Paola riappropriarsi con passione del dna del brand made in Tuscany, proiettandolo verso nuovi orizzonti.

Oggi i cappelli di Inverni sono in vendita da Browns a Londra a Le Bon Marché a Parigi, da Tsum a Mosca a Bergdorf Goodman a New York.

A mandare avanti l'azienda attivamente, sotto la supervisione di Roberta, ci sono ora le figlie Maria, che segue la distribuzione e il commerciale e Paola, a capo dell'ufficio stile, la quale di stagione in stagione dà vita a nuove creazioni, selezionando fibre naturali e lane preziose. Ad affiancarle, un team di circa 15 collaboratori.

Gran parte dei processi produttivi sono dedicati agli accessori in maglia e Paola ha anpliato gli orizzonti con cappe, sciarpe, colli e stole, che completano le collezioni di fasce, bonnet e altri cappucci.

c.me.
stats