campagne

"L'Aids è di moda": polverone sul web per la campagna shock di Convivio

Sarà diffusa a giorni la nuova campagna di Convivio 2016, la mostra-mercato a scopo benefico che raccoglie fondi a favore di Anlaids, associazione nazionale per la lotta contro l'Aids. Ma fa già discutere un claim controverso, "L'Aids è di moda", con i volti di Franca Sozzani e Donatella Versace.

 

Una caduta di stile o una provocazione costruita ad hoc per sensibilizzare su una malattia di cui ormai non si parla più?

 

In Rete imperversa la polemica su uno slogan stigmatizzato da alcuni come scelta di cattivo gusto e difeso da altri come comunicazione d'impatto per concentrare l'attenzione su un tema che sta appunto "passando di moda", ma che continua a mietere vittime: in Italia, ricorda la campagna, ci sono 120mila persone sieropositive e ogni anno si contano 4mila nuovi casi di contagio.

 

«Io ci metto la faccia, a te chiedo di fare shopping. Meglio Fashion Victim che Aids Victim», conclude l'advertising che accompagnerà questa edizione di Convivio, in programma a Fieramilanocity dall'8 al 12 giugno.

 

Nata nel 1992 da un’idea di Gianni Versace, l'iniziativa benefica ha cadenza biennale: accanto ai grandi nomi, anche quest’anno saranno numerose le aziende di moda, design e servizi a donare i loro prodotti che, durante la manifestazione, verranno venduti al 50 % del prezzo di listino.

 

stats