contraffazione

John Richmond torna alla fashion week. Intanto a Forlì la Guardia di Finanza sequestra abiti falsi per 20 milioni

In attesa del suo ritorno alla fashion week di Milano con una capsule collection see now buy now che sarà presentata domani, 24 febbraio, lo stilista inglese John Richmond è sempre alle prese con la tutela del suo marchio. L'ultimo "caso" è a Forlì, dove sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza capi contraffatti a marchio “Richmond”, per un valore commerciale di più di 20 milioni di euro.

 

Le fiamme gialle attraverso l’indagine anti-contraffazione “All Out” hanno sequestrato 298mila capi di abbigliamento contraffatti della marca, che oggi è di proprietà della Fashioneast. La merce è stata trovata all’interno di un capannone nella zona artigianale, utilizzato da una società con sede legale in Campania ma operante nel territorio forlivese.

 

Come si apprende dal comunicato delle Fiamme Gialle, i capi di abbigliamento erano pronti per essere venduti sia in Italia che all’estero. Il sequestro del materiale è stato effettuato anche presso il punto vendita della stessa società, nel centro storico di Forlì.

 

Il motivo del sequestro va ricercato nel fatto che i capi contraffatti erano prodotti senza la prevista licenza rilasciata dalla casa madre e venivano commercializzati senza alcuna autorizzazione.

 

Dagli accertamenti risulterebbe decaduto ogni tipo di rapporto economico tra il rappresentante legale della società perquisita e la casa madre del marchio “Richmond”, che ha ceduto i diritti di produzione e commercializzazione a un altro soggetto economico di diritto lussemburghese.

 

stats