dal 16 al 19 giugno

Milano Moda Uomo: più giovani, più co-ed ma un giorno in meno di sfilate

Svelato l'atteso calendario di Milano Moda Uomo, dal 16 al 19 giugno, ma con una sola sfilata (Ermenegildo Zegna) nel giorno di apertura, che per la prima volta vede Milano Moda Graduate in pole position.

 

Di fatto i défilé sono concentrati nei giorni di sabato, domenica e lunedì. Philipp Plein è mattatore con tre fashion show, tra cui Billionaire in chiusura della manifestazione. Numerose le passerelle co-ed. Mancano Etro, Missoni e Jil Sander. Charlier va a Parigi e Curradi a Firenze.

 

Quella alle porte appare come un'edizione di transizione, poiché sempre più case di moda stanno scegliendo di unire le sfilate donna e uomo in un unico momento e, se c'è chi preferisce collocarsi a giugno nelle tradizionali date dell'uomo, c'è anche chi porta le proprie proposte femminili e maschili sotto i riflettori a settembre, durante Milano Moda Donna.

 

Fra l'altro, la kermesse autunnale apre un nuovo corso, con le sfilate e i saloni che si presentano compatti in un super-evento e un maggiore coinvolgimento della città di Milano e del grande pubblico, con un'impostazione che dovrebbe avvicinarsi a quella della design week.

 

Quello che è certo è che la rassegna del menswear, in programma da venerdì 16 a lunedì 19 giugno, vede appunto l'assenza di Etro, Missoni e Jil Sander - che ha nominato alla direzione creativa uomo e donna Luke e Lucie Meier -, tutti spostati nella fashion week di settembre, in base a una scelta in linea con quella di Bottega Veneta e Gucci.

 

Quanto a Cédric Charlier, lascia Milano Moda Uomo dopo una sola stagione a favore della omologa rassegna parigina, dove è atteso il 21 giugno con uno show uomo-donna. Federico Curradi è tra i protagonisti di Pitti Uomo.

 

Charlier aveva debuttato con la sua prima collezione uomo durante la settimana della moda maschile di Milano lo scorso gennaio, sfilando con la formula co-ed.

 

Il brand, in licenza al Gruppo Aeffe, aveva precedentemente svelato le proprie collezioni donna a New York e Parigi. 

 

Ma vediamo nello specifico il calendario di giugno. Milano Moda Graduate - con cui si è deciso di aprire le sfilate dell'uomo nel capoluogo lombardo venerdì 16 alle 16, dando un segnale in direzione della creatività emergente - è alla sua terza edizione, dopo l'esordio nel 2015.

 

L'obiettivo di questo happening è celebrare e promuovere a livello nazionale e internazionale l'eccellenza delle scuole di moda italiane: sotto i riflettori dunque i migliori progetti in questo campo, selezionati fra tutti gli istituti del fashion presenti nella Penisola, attraverso una sfilata e un'esibizione statica.

 

Non solo: sono previsti alcuni talk nelle giornate di sabato e domenica, per favorire i contatti dei giovani designer con personaggi del fashion business. Inoltre, gli studenti che presentano le loro collezioni il 16 giugno concorrono all’assegnazione di premi speciali, come è già successo in passato.

 

Restando a venerdì 16, l'unico big name in calendario alle 20 è Ermenegildo Zegna, che va in pedana in serata, con la seconda prova di Alessandro Sartori alla direzione artistica.

 

Si prosegue sabato 17 alle 10 con Diesel Black Gold donna e uomo allo Spazio MegaWatt di via Giacomo Watt 15.

 

Da questo momento in poi la rassegna è scandita da un défilé all'ora, con pausa pranzo e ripresa alle 15. Seguono Emporio Armani alle 11 in via Bergognone 59 e alle 12 Christian Pellizzari (supportato da Camera Moda Italiana) in via Procaccini 4. Nel pomeriggio, alle 15, è la volta di Marni in viale Umbria 42, con la seconda prova al femminile di Francesco Risso. Alle 16 tocca a Neil Barrett, in via Ceresio 7, con uno show co-ed. Alle 17 è in programma Les Hommes in corso Venezia 16, seguito alle 18 da Versace in via Gesù 12, alle 19 da Marcelo Burlon County of Milan (co-ed) in piazzale Carlo Magno (Gate 17), dove conclude la giornata anche Philipp Plein alle 20.

 

Domenica 18 si parte alle 9.30 con Dirk Bikkembergs in via Valtellina 7. Alle 10.30 è atteso Msgm ai Frigoriferi Milanesi di via Piranesi. Alle 11.30 sfila un giovane nel teatro di Giorgio Armani in via Bergognone 59 ancora da svelare, mentre alle 12.30 buyer e stampa si spostano in piazza Affari, per Salvatore Ferragamo. Il pomeriggio vede alle 14 Sunnei (con il supporto della Camera) e poi 15 Damir Doma con donna e uomo in via Ferrante Aporti 19, alle 16 Sulvam co-ed (sempre sostenuto dalla Camera) alla Fabbrica del Vapore, alle 17 Daks in via San Gregorio 29, alle 18 Prada in via Fogazzaro 36, alle 19 Moncler Gamme Blue in via Solari 33, alle 20 Plein Sport in piazzale Carlo Magno (Gate 17) e, infine, alle 21 Dsquared2 con donna e uomo in via Bovisasca 59.

 

Pieno il calendario anche nella giornata di lunedì 19. Si parte alle 10 con Gcds (con il supporto della Camera) alla Fabbrica del Vapore: un brand di matrice sportiva, con influssi urban. Alle 11 tocca a N°21 in via Archimede 26 e alle 12 a Giorgio Armani, sempre nel suo quartier generale di via Bergognone 59, così come Fendi alle 14 in via Solari 35.

 

Alle 15 è in programma Palm Angels donna e uomo, alle 16 Malibu 1992 sempre co-ed (con il supporto della Camera) di nuovo alla Fabbrica del Vapore dove alle 17 sfila Poan (People of All Nations), label disegnata dall'austriaco Georg Weissacher, special guest di White: anche in questo caso l'impostazione è co-ed e con il sostegno della Camera.

 

Stessa formula alle 18 per Wood Wood, marchio a sua volta "sponsorizzato" dal salone di Massimiliano Bizzi. Si chiude alle 19 con Frankie Morello e alle 20 con Billionaire in piazza Carlo Magno al Gate 17 (nella foto, un modello Plein Sport per l'autunno-inverno 2017/2018).

 

stats