DAL 19 AL 22 SETTEMBRE

Dai Caraibi a Milano: a White lo charme di Poupette St. Barth

La magia dell’isola di Saint-Barthélemy, meglio conosciuta come St. Barth, arriva negli stand di White: approda infatti al salone milanese, dal 19 al 22 settembre, la collezione Poupette St. Barth, un womenswear romantico e sensuale che ha fatto della joy de vivre la sua cifra stilistica.

Il brand è infatti frutto di un’affinità elettiva: quella fra la fondatrice Poupette Giraud e questa isola delle piccole Antille, buen retiro di celebrity e teste coronate, dove approdò quando era una ragazza.

Il feeling fu immediato e la nascita di una collezione ispirata a questo eden tropicale con spiagge da sogno una naturale conseguenza: «Una lettera d’amore per il paradiso da dove tutto ha avuto inizio», dice oggi la designer.

Ma facciamo un passo indietro. È il 1995 quando una collezione di abiti gioiosi e colorati fa il proprio debutto nella boutique ultrachic del ristorante La Tamarin: un esordio immerso nel profumo esotico delle fioriture di frangipani che darà il “la” a una nuova avventura, connotando l’estetica del brand.

Cinque anni dopo arriva il primo monobrand: il negozio debutta nella capitale dell'isola di Saint-Barthélemy, a Gustavia. Da quel momento Poupette St. Barth comincia la sua espansione internazionale, con un network retail che attualmente include location, per citarne alcune, come Baulieu e la Guerrite in Francia, South Hamptons e South Hamptons dall'altra parte dell'Oceano, con opening in vista in California o in Florida il prossimo anno.

Parallelamente il marchio conquista anche i top wholesaler internazionali, da Saks Fifth Avenue a Bloomingdale’s, da Neiman Marcus a ShopBop e, in Europa, da Mytheresa a La Rinascente, da Breuninger a Eden Monte, fino ad approdare online con la sua piattaforma poupettestbarth.com.

a.t.
stats