anche per Etro e Armani eventi fisici

Milano Moda Uomo a giugno in versione ibrida e nel segno dell'ottimismo

Si rivede il sereno sui cieli della Milano Fashion Week Men's. Dopo i mesi bui della pandemia, l'edizione in programma dal 18 al 22 giugno segna il graduale ritorno alla normalità con un programma in chiave ibrida, che comprenderà presentazioni digitali e fisiche. Tornano a sfilare in presenza Dolce&Gabbana, Etro e Giorgio Armani

«Ci avviciniamo a questa nuova settimana della moda con un’attitudine positiva e ottimista - ha spiegato questa mattina 25 maggio, in conferenza stampa, Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana -. Il fatto che il governo abbia accolto le nostre richieste poste durante il Tavolo Tessile e Moda del Mise, autorizzando lo svolgimento di fiere in presenza dal 15 giugno, ci ha permesso di confermare le date di Milano Moda Uomo, dando un segnale importante di ripartenza. Siamo pronti ad accogliere in tutta sicurezza gli operatori, che potranno ricominciare a viaggiare già dal mese di giugno, anche dando la possibilità di effettuare dei tamponi per la stampa e i buyer accreditati».

«Si rinnova l’impegno congiunto di Camera Nazionale della Moda Italiana e del Comune di Milano nel porre in essere un cauto ma costante percorso verso una ritrovata normalità della moda in città, dopo l’emergenza Covid - ha spiegato in conferenza stampa l’assessora al Commercio, Moda e Design del Comune di Milano, Cristina Tajani -. Un percorso reso possibile grazie alla costante attenzione per la sicurezza di ospiti e operatori presenti in città ma soprattutto grazie alla realizzazione di un ricco calendario che coniuga maison, attenzione alla sostenibilità e promozione delle tante realtà artigiane che contraddistinguono il nostro Made in Italy».

Il calendario della settimana dedicato alla Spring-Summer 2022 prevede 48 appuntamenti, nove presentazioni on appointment e sei eventi, per un totale di 63 brand.

Quattro, come si diceva, le sfilate in presenza: Dolce&Gabbana il 19 giugno al Metropol, Etro il 20 giugno e Giorgio Armani il 21 giugno con una doppia sfilata in via Borgonuovo 21.

Tra le novità, questa edizione segnerà il debutto di Diesel, in passerella il 21 giugno con una collezione allgender firmata dal nuovo direttore creativo Glenn Martens.

Per la prima volta entrano in calendario i marchi Tiscar Espadas, Mans, Franc Elis, Zenam, Revenant Rv Nt, 424, Knt e Andrea Pompilio per Harmont&Blaine.

On schedule, oltre ai nomi già citati, ci saranno Ermenegildo Zegna, Santoni e Philipp Plein il 18 giugno, Federico Cina, Dhuruv Kapoor, Eleventy, Spyder, Canali, Children of the Discordance, Fendi, Tod's, Sunnei, Serdar e Dalpaos il 19, Mtl Studio, Franc Elis, Tokyo James, Msgm, Prada, Han KjØbenhavn, 424, Nick Foquet-Federico Curradi, Miguel Vieira il 20 giugno.

La kermesse prosegue il 21 con A-Cold-Wall, Jieda, Kiton, Numero 00, Woolrich, Gall, Paura di Danilo Paura e termina il 22 con Magliano, Vièn, Apn73, Les Hommes, Solid Homme e Dima Leu.

Grazie alla collaborazione con Confartigianato Imprese e con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dell’Agenzia Ice, la fashion week ribadisce l'attenzione verso tematiche di importanza globale, come la sostenibilità e il supporto ai giovani talenti, tramite una proposta di progetti mirati.

Anche per questa stagione l'evento sarà trasmesso su milanofashionweek.cameramoda.it, la piattaforma che consentirà di fruire in modalità digitale di tutti i contenuti della Milano Fashion Week, tra cui sfilate e presentazioni.

Sulla piattaforma saranno presenti anche una serie di stanze tematiche dedicate a progetti speciali. Tra queste Designer for the Planet, alla terza edizione, che riunirà le collezioni di alcuni designer emergenti, che affrontano le tematiche della sostenibilità. I partecipanti saranno Good Good Good, Kidsofbrokenfuture, Marrakshi Life, Abdel El Tayeb, Simon Cracker, Marcello Pipitone, Bayria Eyewear, Emergency Room e Zerobarracento.

Nei giorni della kermesse sarà presentato inoltre un progetto di White, con il format WSM (White Sustainable Milano), in collaborazione con la Camera Nazionale della Moda Italiana, per supportare le nuove generazioni di creativi. White attiverà una donazione al Camera Moda Fashion Trust e promuoverà, con un evento alla Fondazione Sozzani Tazzoli Milano, 10 designer italiani e internazionali. Si tratta di Froy, Lessico Familiare, Mishimi, Oh Carla, Gin Salemo’, Bayria Eyewear, Kids Of Broken Future, Marcello Pipitone, Simon Cracker e Zerobarracento), gli ultimi cinque selezionati da Cnmi tra i partecipanti al progetto Designer for the Planet.

On schedule anche la celebrazione del 25esimo anniversario della Portugal Fashio Week, attraverso l’evento Portugal Fashion 25 Years Protecting Talent in programma il 20 giugno. Per l'occasione verranno riproposte le sfilate di due marchi portoghesi in calendario, Miguel Vieira e David Catalan, e sfileranno altri tre brand portoghesi come Marques’ Almeida, vincitore nel 2015 del Lvmh Prize, Ernest W Baker e Alexandra Moura.

«Per celebrare un graduale ritorno agli eventi fisici - ha sottolineato Capasa - il 19 giugno Cnmi organizzerà, nel rispetto delle normative anti Covid, un cocktail di inaugurazione della fashion week in una location all’aperto».

Anche in questa edizione, inoltre, la piattaforma digitale ospiterà una sezione dedicata agli showroom virtuali: multi brand o monomarca. Nel mirino inoltre il mondo del retail, che ha molto sofferto in questi mesi. Camera Nazionale della Moda Italiana supporta infatti l’iniziativa di The Best Shops: banner digitali sui siti dei negozi associati che rimanderanno alla piattaforma della Milano Fashion Week.

Gli appuntamenti della Milano Fashion Week Men’s Collection saranno trasmessi in tutto il mondo grazie a partner come Kommersant Publishing House per la Russia, Tencent Video, per la Cina continentale The Asahi Shimbun, per il Giappone e con la partecipazione di The New York Times per gli Stati Uniti.

 A proposito di sostegno ai giovani, Camera Nazionale della Moda Italiana ha annunciato i nove  finalisti della settima edizione di Milano Moda Graduate, che presenteranno le loro collezioni durante una sfilata, in programma per la Milano Fashion Week Women’s Collection del prossimo settembre.

Si tratta di Sara Giannini ed Emilia Torcini (Istituto Modartech); Maria Consolazio (Istituto Marangoni); Valeria Nicoletti e Giorgia Gervasoni (IED); Erik Starc (Università IUAV di Venezia); Luigi Chierchia (Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli Dip.DADI); Juliene Rosa Quaglio (NABA) e Gabriele Larcher (Accademia Costume & Moda).

c.me.
stats