Dopo 52 anni

Balenciaga: da luglio torna in scena l'alta moda

Lasciato il timone creativo di Vetements, lo scorso autunno, Demna Gvasalia si dedica full time a Balenciaga e riporta in vita la collezione di alta moda, che farà sfilare dal prossimo luglio. La couture della griffe non calca le passerelle da 52 anni, quando il fondatore, Cristóbal Balenciaga, chiuse la sua maison.

 

Un dovere creativo e visionario, «poiché le radici della griffe affondano proprio nella couture»: così il designer georgiano ha motivato la sua scelta.

 

La collezione, ha chiarito facendo riferimento al concetto di "high fashion", si propone come «un'inesplorata espressione di libertà nella creazione e una piattaforma per l'innovazione. Non offre solo un ampio spettro di possibilità nella sfera del sartoriale, ma porta anche la visione moderna di Balenciaga alle sue radici. L'alta moda è al di sopra dei trend. È un'espressione di bellezza ai più alti livelli estetici e qualitativi».

 

Come ha spiegato Cédric Charbit, presidente e amministratore delegato di Balenciaga, il progetto è stato possibile «grazie al successo dell'interpretazione di Demna Gvasalia e agli ottimi risultati conseguiti dalla griffe negli ultimi anni».

 

Per questo nuovo progetto la maison ha deciso di affidarsi a un team stilistico dedicato e di aprire un atelier che replicherà i saloni originari di Balenciaga, all'indirizzo storico di avenue George V numero 10.

c.me.
stats