Dopo il lancio negli Stati Uniti

Wrangler vara il Sustainable Cotton Program anche in Europa

Wrangler fa un passo avanti nel percorso verso la sostenibilità e lancia anche in Europa il Wrangler Science and Conservation Program, gia attivo negli Stati Uniti. L'obiettivo entro il 2025 è approvvigionarsi esclusivamente dal circuito delle fattorie che aderiscono al progetto. L'iniziativa è stata annunciata alla fiera agricola internazionale Agrotica, svoltasi di recente in Grecia.

 

Lanciato nel 2017, il Wrangler Science and Conservation Program è un’alleanza di esperti del settore, agricoltori all'avanguardia e partner no profit che sponsorizza la ricerca, i seminari degli agricoltori e promuove le pratiche di agricoltura ideali per preservare la salute dei terreni agricoli.

 

La ricerca mostra che questi metodi, che possono essere adottati anche da altre tipologie di agricoltori e allevatori, supportati dalla scienza, vanno ad aumentare la resa delle colture, riducendo al contempo gli sprechi di acqua ed energia, combattendo l’erosione e aggiungendo più carbonio nel suolo.

 

«I prodotti Wrangler sono realizzati con cotone coltivato in tutto il mondo, quindi è importante aiutare a guidare l’intero settore verso una produzione più sostenibile - è il commento di Roian Atwood, senior director of sustainability di Wrangler (nella foto) -. È stato fantastico imparare dagli agricoltori europei, condividere le nostre ricerche e unirci alle principali sfide del settore, come affrontare la perdita di terreno fertile».

 

Nel 2019, Basf, realtà specializzata nella messa a punto di trattamenti chimici, e Wrangler Science and Conservation Program hanno collaborato per promuovere la tracciabilità del cotone sostenibile negli Stati Uniti attraverso un'iniziativa che ha collegato le performance di sostenibilità ai prodotti finiti. Un progetto da cui è nata The Wrangler Rooted Collection, uno speciale assortimento di jeans e camicie realizzati con l'e3 cotton di Basf, coltivato negli Usa da cinque famiglie di agricoltori.

c.me.
stats