haute couture

Giorgio Armani Privé: le nuvole si trasformano in abiti

Alchimie di colori e volute di tessuti creano nei modelli di Giorgio Armani Privé, presentati ieri (23 gennaio) a Parigi, effetti che ricordano le nubi lenticolari oppure le incredibili montagne del parco cinese di Zhangye Danxia. Intanto Re Giorgio prepara per maggio un evento top secret all'estero.

 

Corpetto aderente e gonna a nuvola, sfilano al Théâtre de Chaillot romantici abiti-tavolozza con pennellate di blu che sfuma nell'azzurro o nelle nuance più profonde della notte, arancio, rosa, un punto tenue di grigio: cromatismi che si ritrovano anche nei minidress molto corti, come piace alla clientela asiatica, negli outfit con giacca dalla profonda scollatura e short di seta, nelle avvolgenti casacche senza peso. Ad accompagnare le modelle, uomini in completi impeccabili di velluto con revers in raso.

 

Ci sono dunque, alla base della collezione composta da 64 look, da un lato un aspetto estetico e meditativo, l'osservazione del cielo nella sua mutevolezza, e dall'altro il desiderio da parte di Armani di svecchiare l'alta moda, renderla più fresca, moderna e adatta a un pubblico internazionale, di cui fanno parte mercati con un'elevata percentuale di giovani.

 

Sarà proprio un Paese straniero, come anticipato dal designer alla stampa, a ospitare nel prossimo futuro un mega evento del marchio: di certo si sa solo il mese, maggio, ma per tutto il resto bisognerà aspettare aggiornamenti nelle prossime settimane.

 

Nel parterre di Giorgio Armani Privé, tra gli altri, Diane Kruger, Valeria Bruni Tedeschi, Marion Cotillard, Margherita Buy e Isabelle Huppert, accanto al ballerino Hugo Marchand e a Riccardo Scamarcio.

 

stats