Haute couture

L'arte sartoriale di Chanel in vetrina a l’Étrier de Paris

Il circolo equestre de L’Étrier de Paris, in the Bois Boulogne, è diventato il set dello show della couture autunno-inverno 2022/2023 di Chanel, disegnata da Virginie Viard.

Un allestimento giocoso, che continua quel fil rouge creato a gennaio grazie a Xavier Veilhan, artista poliedrico che ricerca costantemente l’interazione con lo spettatore, più che la creazione di oggetti in quanto tali.

Le sue sculture, in questo caso tubi gonfiabili e ruote in movimento, si rivolgono non tanto all'estetica rappresentativa della forma, ma alla rappresentazione della sua idea, all’esperienza che ogni forma esercita perché codificata nella memoria collettiva della storia dell’arte, proprio come la maison Chanel nella storia del costume e della moda.

Un percorso che porta su scale e pedane, dove le modelle incedono con stivali alti e cappelli oversize, pronte a incarnare l’universo creativo della collezione, tra tailleur in lana bouclé in colori brillanti, cappotti soffici che si estendono in volumi di pieghe di voile, giacche avvitate da cinture, abbinate a gonne a ruota.

La sera è un vero tripudio di bagliori lunari con gown e abiti corolla, mentre protagonista tra gli applausi a chiusura dello show  è “une robe de mariée” indossato e interpretato da Jill Kortleve, conosciuta su Instagram come Jilla Tequila per la sua bellezza magnetica e le misure plus size.

a.c.
stats