IL DEBUTTO NEI NEGOZI A FINE MARZO

Sergio Rossi rilancia con Sì Rossi: al via una nuova linea a misura di Gen Z

Una collezione dedicata al pubblico più giovane e con prezzi più accessibili, in grado di stimolare il mercato: Sergio Rossi rilancia con una linea storica, tenuta in stand by dal designer scomparso nell’aprile 2020.

Si tratta di Sì Rossi, una gamma di calzature dal design audace e dal forte impatto, che nella collezione del debutto si misura con silhouette che strizzano l’occhio agli anni Settanta, per sandali, décolleté e sabot con punte squadrate, zeppe e tacchi scultorei.

Realizzate in nappa o pelle scamosciata, le proposte sperimentano una palette colori che spazia dai toni neutri del nudo, marrone e nero, fino a spingersi verso declinazioni più accese come rosso brillante, azzurro e verde acido.

La prima collezione Sì Rossi, che parte dai 385 euro per i sandali più basic fino ai 557 euro per quelli con cinturino alla caviglia, è ai blocchi di partenza: da fine mese arriverà nei flagship del marchio e sull’e-shop, oltre che nelle boutique multimarca e nei concept store come Antonia a Milano, The Room Hudson Bay a Toronto e Vancouver, 51 East a Doha e Bloomingdale's Kuwait.

L'arrivo del nuovo progetto arriva in un momento “chiacchierato” per la Sergio Rossi, che secondo indiscrezioni potrebbe presto cambiare proprietà.

Attualmente è controllata dal fondo Investindustrial, che ha preso il controllo dell’azienda calzaturiera nel 2015, rilevandola da Kering e chiamando a guidare il rilancio del brand il ceo Riccardo Sciutto.

Dopo la riprogettazione della manifattura di San Mauro Pascoli, la Sergio Rossi - 60 milioni di euro di fatturato nel 2020 e 48 negozi in tutto il mondo - produce anche per altri marchi, tra cui Bottega Veneta e Amina Muaddi.

a.t.
stats