Il nylon si biodegrada in cinque anni

A Milano è di scena la sostenibilità secondo Herno

È un allestimento che mette in luce l’aspetto sostenibile, quello scelto dal Herno per l’outerwear del prossimo autunno-inverno. Nelle spazio milanese del brand, in via Solari, i capi della linea Herno Globe declinata al femminile si raccontano: sono in nylon recuperato, ma anche in lana riciclata (per chi opta per una moda responsabile e predilige le materie prime naturali), oppure in una poliammide green, biodegradabile in cinque anni anziché 50.

Già da alcuni anni il marchio da 135 milioni di ricavi, con sede a Lesa (Novara), scommette su una moda sempre più amica dell’ambiente, non solo sul fronte prodotto ma anche a livello di processo. Era il 2016 quando partiva con il primo progetto, relativo a una giacca maschile, che veniva mappata tenendo conto dell’impatto ambientale della sua realizzazione in base alla metodologia Pef-Product environmental footprint.

Tra le novità presentate ieri in occasione della fashion week c’è anche la linea di sneaker unisex Laminar Assoluto, anticipata allo scorso Pitti Uomo. Realizzate in collaborazione con il marchio Scarpa di Treviso, molto noto nel mondo del trekking e dell’outdoor, queste calzature sono leggere e impermeabili grazie al Gore-Tex e con la suola ad alte prestazioni di Vibram.

e.f.
stats