Il progetto era stato affidato a Pilati

A giugno Pitti Uomo mette in mostra 30 anni di moda maschile

30 anni di moda maschile, dal 1989 ai giorni nostri, visti attraverso la lente di Pitti Uomo. È Romanzo breve di moda maschile la mostra che sarà inaugurata al Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti a Firenze in occasione di Pitti Immagine Uomo 96, in programma dall'11 al 14 giugno, e che festeggerà il 30esimo anniversario di Pitti Immagine.

Un progetto dalla lunga gestazione, che avrebbe dovuto vedere la luce già un anno fa. Originariamente, infatti, la Fondazione Pitti Immagine Discovery aveva affidato a Stefano Pilati la direzione artistica dell'esposizione Evoluzione-Involuzione-Rivoluzione / Tre decadi di moda maschile, che non ha mai visto la luce a causa del forfait improvviso dello stilista.

Ideata e curata da Olivier Saillard (che aveva firmato anche l'esposizione Il museo effimero della Moda), Romanzo breve di moda maschile sarà visitabile dal 12 giugno al 29 settembre e racconterà la storia e l'evoluzione del menswear, incrociando il made in Italy con i brand e guest designer passati da Firenze nel corso di tre decadi.

Sotto i riflettori i capi degli stilisti che hanno dato vita agli eventi speciali di Pitti dal 1989 al 2019 con un look della collezione presentata nel capoluogo toscano, e quelli di una trentina di aziende che hanno rappresentato i punti di svolta del salone nello stesso periodo, per un totale di 150 brand coinvolti.


Nella foto, un look Giorgio Armani autunno-inverno 2012

an.bi.
stats