Milano fashion week

Dolce&Gabbana inneggia al vero dna italiano

La collezione per la primavera-estate 2019 di Dolce&Gabbana è un inno al dna tipicamente italiano: inneggia con gioia all’opera con le grandi voci della lirica, da Luciano Pavarotti a Mario del Monaco, con arie e cavatine che osannano la donna e che scandiscono l’intera sfilata.

La tradizione di latin lover o di passione latina sono cose di cui andare più che fieri. L’emozione della seduzione raggiunge la massima celebrazione nelle stampe dove campeggiano fiori, madonne, cuori o solo scritte che inneggiano all’amore, per rallegrare tubini, abiti tagliati in vita e arricciati, top e gonne dal sapore rétro.

Anche i tessuti parlano dello Stivale: così il pizzo si affianca alla seta nell'abito al ginocchio che delinea la silhouette con sensualità, realizzato in celeste pastello, colore affiancato da verdi, beige e nudo, per sfociare nel trionfo dell’oro.

L'organza e il cotone mischiati a crochet si rivestono di ricami di pietre e disegni di cristalli colorati che creano scintillanti geometrie, citando le luminarie che incorniciano le strade in festa del mediterraneo o delle luci delle processioni sacre, come quella che aperto lo show. Opulenza e preziosità a piene mani.

Per una coerenza stilistica ben radicata e profonda che pervade tutte le creazioni, le borse, come le scarpe, richiamano la caratteristica di abbinare la scarpa e la borsa assieme, tipica del Sud. Ovviamente con impavidi tocchi gold e sparkling. 

Gli accessori, divertenti e super colorati, decorano tracolle, orecchini, collane e braccialetti. L'occhiale è rigorosamente ad ali di farfalla.

In passerella apre lo show Monica Bellucci in abito a pois, Eva Herzigova con un ball gown nero, Carla Bruni in tailleur pantaloni, Isabella Rossellini con una vestaglia in pizzo e broccato, Mariano di Vaio con tutta la sua famiglia e ancora Helena Christensen e Marpessa.

 

 

 

 

a.c.
stats