Milano fashion week

Giorgio Armani tra rigore e sensualità

Un video di 20 minuti precede e introduce la sfilata Giorgio Armani Primavera-Estate 2021, con la voce narrante dell’attore Pierfrancesco Favino, fresco di Leone d’Oro. Un video- documento che si evolve senza sosta in un incalzare di emozioni, interviste d’archivio e immagini iconiche dello stile Armani nei decenni, in un gioco vibrante di equilibri tra rigore e sensualità, purezza e piccole concessioni all’eccentricità, che diventano lemmi per un vocabolario in espansione, dove la personalità di ogni donna o uomo emergono liberi dalle convenzioni estetiche.

A porte chiuse, ma in televisione per la prima volta, proprio per dialogare in modo diverso con il pubblico dei tempi del Covidsfilano modelle e modelli su una passarella essenziale, che sembra quasi uno specchio e riflette quella ricerca sartoriale che porta dritto al senso della riconoscibilità ed esclusività della maison. 

MILANO WOMEN SS 2021: GIORGIO ARMANI



Un magico effetto che si accende nella fusione delle linee pure e nei colori neutri, che vanno dal grigio al beige, dal blu al nero, seguendo un’idea di ton sur ton che è reale e metaforica, e mai prevarica sul resto. 

Un equilibrio che si ritrova nelle giacche essenziali, leggere, abbinate a pantaloni che avvolgono le gambe maschili o diventano voluminosi qualora ci siano le pince al punto vita, così come quelli nella versione femminile, che ricordano ampiezze quasi orientali.

Sublime la sera, che si accende di luce scintillante fatta di cascate di paillettes su abiti ricamati e trasparenti per lei, mentre i completi blu per lui regalano il senso della liquidità magica dell’acqua, riflessa nel chiarore della luna.

Ancora una volta Giorgio Armani dimostra, ora più che mai, che ognuno di noi è protagonista principale sul palcoscenico della propria vita, indossando quello che ritiene più sensuale e comodo per .

a.c.
stats