Milano fashion week

Msgm: il self portrait della new generation

Il racconto intorno alla moda e oltre la moda è il punto di partenza di Massimo Giorgetti, intenzionato a creare un guardaroba “vero”, che racconti perfettamente la generazione che lo indossa. 

Il punto di partenza è sperimentare nuove strategie e abbracciare la sfida della sostenibilità, per abbandonare le difficoltà degli scorsi mesi e creare un self portrait, dove i protagonisti sono giovani talenti. 12 volti di modelle, designer e artisti che sono 12 personalità diverse, con 12 punti di vista sul presente e sul futuro. Ogni talento sceglie liberamente il proprio look, ritraendo se stesso per immagini, attraverso l’obiettivo della fotografa svizzera Senta Simond, o le domande e suggestioni autobiografiche della scrittrice Nadeesha Uyangoda.

Da qui parte il viaggio a ritroso dello stesso Giorgetti sulle proprie origini romagnole, convertendo il passato come atto creativo del proprio futuro.

MILANO WOMEN SS 2021: MSGM



Una Romagna diversa, quasi immaginifica, sospesa tra le spiagge, i campi di grano e i vigneti dell'entroterra, dove si fanno ben notare i trattamenti e i dettagli di una collezione bucolica in chiave moderna. I tessuti iconici del brand, popeline e taffetà, si alternano a materiali dal sapore più grezzo: un blend di cotone-lino per completi sartoriali e capi a taglio vivo, un “nuovo” tweed sfrangiato per camicie bowling e look workwear-chic con ampie tasche.

La palette multicolor parte dai colori neutri, greige e sabbia, per poi incontrare i toni solari, luminosi e intensi del ciclamino, tangerine, pistacchio, lilla, azzurro cielo, giallo frumento.

Le stampe richiamano il simbolismo della cultura agreste, ma anche le atmosfere più tipiche della riviera: spighe di grano su canvas di cotone fiammato, sinonimo di fertilità ed abbondanza, teste di gallo su pigiami in twill di poliestere riciclato e camicie in popeline di cotone biologico, ombrelloni multicolor stilizzati con grosse pennellate.

Gli accessori sono pochi, ma estremamente funzionali: ritorna di prepotenza sulla scena la borsa con più o con un solo soffietto, con tracolla che non si porta in spalla, bensì a mano e la piccola pochette che può essere indossata appesa al collo, con la cinghia o che penzola sul fianco.

a.c.
stats