milano fashion week

Philosophy di Lorenzo Serafini: un mood funky e cheeky

Lorenzo Serafini, direttore creativo di Philosophy di Lorenzo Serafini, dedica la collezione SS 2022 a una donna spensierata, consapevole della sua bellezza e desiderosa di mostrarla, indossando abiti che la valorizzino nel suo cammino di emancipazione.

Serafini parte dalle immagini scattate da Steven Meisel e Mark Borthwick per le campagne pubblicitarie di Philosophy negli anni '90 - allora sotto la
direzione creativa di Alberta Ferretti - allo Spazio Krizia.

Una location che rievoca nell’immaginario lo Zeitgeist dell'epoca, dove non si faceva solo moda ma cultura della moda, espandendo i confini a design, arte, fotografia, mostre, conferenze.

«Appena ho saputo che il posto era di nuovo disponibile l’ho subito fermato - racconta Lorenzo Serafini prima dello show, soddisfatto di aver creato questa connessione tra il passato e il presente -. L’ho pensato proprio come un omaggio alla città, perché lo Spazio Krizia era un punto di incontro importante per i milanesi e non solo».

MILANO WOMEN SS 2022: PHILOSOPHY DI LORENZO SERAFINI




Delicata ed essenziale come sempre, la collezione si definisce in un remake degli highlight degli anni ’90: dalle frange alle micro-stampe, dai sensuali bias cut per sottovesti rosso lacca ai pantaloni plissé dal fondo svasato, portati su plateau altissimi in vernice, fatti per slanciare ancora di più la silhouette.

Il finale è un alternarsi di bianco e nero, in cui il pizzo diventa simbolo del romanticismo di Philosophy e il nero la sorpresa essenziale fra tanto colore e fiori all over.

Una rilettura di un periodo caro allo stilista, come lui stesso afferma: «Nel ’92 ho iniziato la scuola di moda, nel ’96 il primo lavoro. Ho vissuto in pieno l’energia dell’epoca che ha preceduto la rivoluzione tecnologica».

Un decennio visto nella chiave hard romantic di oggi, dove la sensualità diventa una romance à go go.

a.c.
stats