milano moda donna

Capi classici reinterpretati e un libro per il debutto di Marco Zanini per Santoni

Senza ombra di dubbio era uno dei lanci più attesi di questa fashion week milanese. La prima collezione  di abbigliamento del marchio Santoni firmata dallo stilista Marco Zanini. Una selezione di capi, che include capispalla sartoriali e sportivi, capi in maglieria, piccoli accessori, scarpe e borse, è accompagnata anche da un'iniziativa editoriale.

 

Il progetto, che si chiama Santoni edited by Marco Zanini ha prodotto una serie di pezzi senza tempo, per uomo e per donna, "dall'attitudine milanese" secondo il designer.

 

Un'attitudine che si ritrova nel cappotto double doppiopetto, al mantello trapuntato, dal blouson zippato al blazer scolpito, dal cardigan alle stringate. Ma anche paletot in castoro, spolverini in raso e ballerine deostruite dal tacco slanciato.

 

«Estendere ad altri ambiti il nostro modo di concepire il prodotto è un passo che i nostri clienti ci chiedevano da tempo» spiega Giuseppe Santoni. «Con questo spirito - prosegue - è nato il progetto copn Marco Zanini, che per noi è una proposta di oggetti da indossare rivolta a un pubblico di intenditori. Marco è certamente uno dei designer più capaci ed il feeling con lui è stato immediato».

 

A due anni dalla rottura con la Maison Schiaparelli, per Marco Zanini questo è il ritorno al mondo della moda, dopo anni di esperienze in Italia e all’estero, che hanno visto alla guida di maison come Rochas e Halstom e prima ancora nei team creativi di Dolce&Gabbana e Versace.

 

«L'attenzione di Santoni per la longevità del buon prodotto - ha commentato il designer - corrisponde al desiderio, che avverto, di una moda meno superficiale e volatile. Ho sviluppato questo progetto d'istinto. La tradizione implica conoscenza, ma anche lentezza e attenzione. Penso che questa sia la grande contro-tendenza di oggi».

 

Santoni edited by Marco Zanini, al via con l'autunno-inverno 2017/2018, sarà disponibile nei 40 punti vendita monomarca Santoni oltre che in un numero selezionato di negozi multi marca e department store e punta ad accreditare l'immagine del brand mi mercati chiave come Stati Uniti, Europa e Giappone.

 

Il lancio della nuova collezione è stato accompagnato da un progetto editoriale dal titolo Edited Milano. Un lavoro corale, nato dalla collaborazione trae i fotografi Hill and Aubrey, lo studio creativo Pomo, lo stesso  Zanini e Angelo Flaccavento.

 

Il volume mescola un'indagine documentaristica sulla città di Milano e scatti indossati e still life della collezione.

 

Santoni stima di chiudere il 2016 con un giro d'affari di 80 milioni di euro, in crescita del 10% sul 2015.

 

stats