milano moda donna

Roberto Cavalli: seduttrici in technicolor

Fantasia a piene mani, come è nel dna di Roberto Cavalli, nella collezione andata in scena oggi a Milano.

Più che l’animalier, è una disegnatura multicolore, che ricorda onde di mare e di sabbia, a dominare la passerella.

Gli abiti, fluttuanti e sensuali, sono spesso corti davanti e lunghi dietro, lasciando scoperte le gambe avvolte dai cuissard.

Il direttore creativo Paul Surridge pensa anche alle donne che amano la tinta unita con gli abiti color giallo zafferano, fluidi ma aderenti nei punti strategici, dalle maniche leggermente rigonfie, e i completi pantalone bianchi, da indossare con stivaletti dello stesso colore.

Tra pennellate di blu oltremare, beige, arancio, viola e azzurro si insinuano fantasie zebrate e pitonate, oltre al nero che contraddistingue i pantaloni a vita altissima e gli insiemi con giacchino corto dagli ampi revers.

Il fucsia accende le lunghe gonne plissettate, valorizzate da una cintura dorata, e i vestiti danzanti con profonda scollatura.

C’è anche il menswear in pedana, con outfit in cui le giacche dalle spalle importanti e leggermente scese, di taglio dritto e con revers sottili, lasciano intravedere maglie e dolcevita con disegnature vivaci.

E’ un uomo che osa il colore, quello immaginato da Surridge, e che si lascia conquistare dai total look in rosso corallo, verde o ghiaccio, - una nuance ripresa negli overcoat doppiopetto -, concedendosi per la sera luminescenze dorate e argentate. Il nero per lui si ritrova negli insiemi in pelle, con cintura annodata in vita.

Oggi è la moda a tenere banco, ma l’argomento che ciclicamente torna nelle ultime settimane e che non si esaurirà nelle prossime è il futuro della griffe, attualmente in capo a Clessidra ma che potrebbe in un futuro non lontano passare di mano: tra i pretendenti, in pole position ci sarebbero Philipp Plein e il patron di Otb, Renzo Rosso

a.b. 

MILANO WOMEN FW 19-20: ROBERTO CAVALLI


stats