milano moda uomo

Iceberg: festa visionaria tra luxury sportswear, formale e militare

 James Long, direttore creativo di Iceberg, ha scelto come location della sfilata uomo autunno-inverno 2020/2021 l’Alcatraz, storico club milanese che porta il nome della prigione più famosa al mondo, per allestire una festa visionaria, dove pattuglie multilogo rompono le regole e i "sorveglianti" si uniscono ai raver.

Il luxury sportswear si fonde in maniera inaspettata con silhouette militari e formali: così il piumino scopre nuove varianti all'insegna di energetici color block e i cappotti dal finissaggio sartoriale hanno effetti jacquard.

James Long riporta in auge l’iconico ovale nel logo Iceberg, in una versione in giallo neon che diventa la nuova firma del brand, riprendendo inoltre i personaggi iconici del mondo Loonely Tunes, ridisegnati dagli originali nei colori blu e nero dégradé di cappotti, giacche e felpe.

Il punk sport viene reinterpretato nel pezzo iconico del k-way in tyvek, che unisce funzionalità e stile diventando borsa, con una zip a chiusura del fondo e le maniche diventano spalliere.

Quando il logo diventa trippy, fanno la loro apparizione in pedana le maglie della Art Collection, capsule che si rifà alle opere dell’artista inglese Eddie Peake: la tecnica pittorica multistrato di Peake viene esaltata dall'artigianalità italiana della maison, per fondersi in veri pezzi d’arte come la maglia Rave! Rave! Rave!, oppure la felpa con il logo del brand rivisto alla luce del carattere scotch di Peake.

Ai piedi dell’uomo Iceberg sneaker e anfibi rivisitano il design modernista degli anni ’90, caratterizzato da tomaie in colori accessi e vividi, che contrastano con marsupi e borselli a tracolla, realizzati in nero o camouflage.

a.c.

MILAN MEN FW 2020-2021: ICEBERG


 

stats