milano moda uomo

N°21 e l'importanza di essere ibridi

Le maglie perdono la schiena, le camicie inglobano la cravatta nel colletto, il faille tipico della couture femminile si trasferisce sui capi più tecnici, le giacche classiche si abbinano a T-shirt in pizzo: c'è tanta voglia di superare il duello tra gli stili (sartoriale e streetwear, maschile e femminile) e di scoprire forme ibride nelle proposte N°21 per il prossimo inverno.

«Ho iniziato a lavorare a questa collezione - spiega Alessandro dell'Acqua, direttore creativo del marchio - con il desiderio di non allontanarmi dal mio mondo creativo, ma di spingerlo verso aspetti non consueti. Volevo esplorare la possibilità di una fisicità maschile diversa, più coerente con la personalità degli uomini di oggi, che attraverso le forme ibride costruiscono una nuova eleganza».

Così in passerella look puliti e forme che guardano al classico si alternano a maglioni dall'aspetto militare e felpe corte: "addolciti", non rientrano nella filosofia dello streetwear, che nella collezione di N21 è decisamente superata.

an.bi.

stats