MILANO MODA UOMO

Prada: un tunnel colorato verso la libertà

Ripartire dalla gioia del quotidiano e del vivere ogni giorno la vita come esperienza esaltante è un bisogno primario dopo tempi complicati: per questo Prada fa sfilare la collezione primavera-estate 2022 in un tunnel-passarella di color rosso, non rettilineo e rarefatto, per poi terminare verso l'ambiente reale di una spiaggia con sabbia e rocce lambite da mare cristallino.

Il tunnel è stato ideato da Rem Koolhaas, architetto e urbanista olandese che da molti anni collabora con Miuccia Prada. La stilista ha scelto lui per realizzare gli store della maison a New York e Los Angeles, nonché numerosi allestimenti in occasione di sfilate ed eventi.

Il significato del tunnel è quello della transizione dalla costrizione che abbiamo vissuto, per approdare con un senso liberatorio sulla spiaggia di Capo Carbonara, in Sardegna: il luogo prescelto da Miuccia Prada, attraverso il suo sostegno alla Fondazione Medsea, per il ripristino degli ecosistemi marini attraverso la riforestazione delle praterie di Posidonia oceanica, pianta endemica del Mediterraneo che svolge un ruolo cruciale nell’assorbimento di C02 e contribuisce a mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

«Il mondo è così complicato, troppo complicato, ed è facile perdere di vista l'essenza della vita umana - riflette Miuccia Prada, che ha disegnato la collezione con Raf Simons -. Da diverse stagioni quest'idea mi interessa e la stiamo esplorando in modi diversi». Se prima il focus era sulla tecnologia e sulle macchine, «oggi stiamo pensando al contrario: all'umano, al reale».

Una collezione, quella di Prada, molto semplice e pratica ma allo stesso tempo elegante, dove capi per il mare si mescolano con prodotti sartoriali, scegliendo silhouette appropriate per entrambe le situazioni, seppur in modi differenti.

Al centro di tutto la bellezza del corpo, enfatizzato da short aderenti indossati con una giacca a due bottoni, tute intere stampate con immagini di sirene e polipi che tornano sugli orecchini in argento verniciato di nero, mentre le canottiere a righe riprendono le strisce baiadera delle sdraio degli stabilimenti negli anni ’50.

In alternativa ci sono le giacche Principe di Galles da portare con calzoni arrotolati, consuetudine di chi sul bagnasciuga tasta la temperatura dell’acqua per poi tuffarsi. Ma il vero e iconico tormentone estivo sarà il cappello a cloche da pescatore, con portaocchiali da sole sul davanti e paranuca sul retro. Bene in vista il logo triangolare del brand, trasformato in portamonete.

Una collezione che invita a sognare, esprimendo un nuovo stile generato da inediti stilemi estetici, associati al senso di libertà.

a.c.

MILANO MEN SS 2022: PRADA


stats