Messico chiama Italia

Moda sostenibile: Roberto Di Stefano collabora con Desserto

Un’annosa questione, quando ci si occupa di sostenibilità nella moda, è quella riguardante i possibili sostituti della pelle, spesso non all’altezza dell’originale quanto a sensazione al tatto, morbidezza, resistenza e così via.

Una premessa che consente di inquadrare al meglio Desserto, realtà messicana che ha brevettato un materiale simile in tutto e per tutto ai pellami tradizionali, ma ricavato dalle foglie di cactus, quindi totalmente vegetale e con un esiguo impatto sull’ambiente, in parte biodegradabile: è il risultato dell’impegno, dell’intraprendenza e dello spirito per certi versi visionario di Adrián López Velarde e Marte Cázarez, titolari dell’azienda, imprenditori determinati a trovare un’alternativa alla pelle e convinti a tal punto della bontà del progetto, da lasciare le rispettive carriere.

I due giovani si sono focalizzati sulla ricerca delle materie prime, concentrando ben presto l’attenzione sul loro territorio: «Il Messico - dicono - è il maggior produttore ed esportatore di cactus del mondo, una pianta che cresce molto velocemente, senza bisogno di irrigazione né di erbicidi o pesticidi».

Oggi Adrián López Velarde e Marte Cázarez gestiscono una piantagione - ovviamente biologica - di due ettari a Guadalajara, un traguardo raggiunto tuttavia solo al termine di un lungo percorso, non privo di difficoltà, ritrosie e diffidenze.

I riconoscimenti e le certificazioni raccolti finora testimoniano le potenzialità dell’azienda: nel solo 2020, oltre al Green Product Award nella categoria Material e al premio sostenibilità conferito dalla Fashion Week di Monte Carlo, è arrivato il secondo posto - con una menzione speciale - all’Lvmh Innovation Award: Adrián e Marte rivelano di stare «sviluppando dei progetti con diversi brand» del conglomerato francese del lusso.

In Italia Roberto Di Stefano è tra i primi brand che hanno scelto, per le proprie creazioni, il materiale vegan messo a punto da Desserto. La label di borse e accessori made in Italy, fondata nel 2017 dall’omonimo designer, ha sviluppato un’intera collezione di borse contemporary luxury con questo materiale, segnando un importante rinnovamento per il marchio che diventa oggi completamente sostenibile, vegan e cruelty free.

«Gli ultimi anni mi hanno dato modo di ripensare a molti aspetti della vita – commenta Roberto Di Stefano –. Ho deciso così che la mia collezione di borse doveva allinearsi al cambiamento, sentendo l’esigenza di un deciso rinnovamento. La collezione è ora 100% vegan, cruelty free e sostenibile. È un piccolo passo, ma necessario per andare verso una moda più consapevole. Ci sono ancora molti pregiudizi in merito alla moda vegan, ma nella mia linea voglio far convivere il design e l’immagine con un contenuto sostenibile mai scontato».

Da qui anche la necessità di mandare un messaggio, facendo conoscere le storie di sei donne che vivono e sostengono questi valori tutti i giorni, in modi e ambiti diversi. Così è nato Sustainable Voices, un video talk articolato in diversi capitoli, nei quali vengono chiamate in causa personalità di spicco in vari ambiti (moda, arte, food, beauty), invitandole a condividere le proprie riflessioni in tema di sostenibilità, individuando parole chiave legate ad essa.

Hanno partecipato al primo capitolo Olga Pirazzi, responsabile del progetto Fashion B.E.S.T. di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, Chiara Tronville, giornalista da sempre attenta alla tematica sostenibile e al cambiamento positivo nella moda, Orietta Pellizzari, international fashion advisor e consulente di 
Camera Nazionale della Moda Italiana, Valeria Margherita Mosca, che si occupa di foraging e ha fondato wood*ing, food lab, e ancora Cosetta Giorgetti, make up artist da sempre vegana e attenta a un lifestyle responsabile, oggi imprenditrice con la sua nuova linea beauty organica Co_Organic Skincare, e Giorgia Cantarini, talent scouter e responsabile del progetto sostenibile di Pitti Uomo. Il carattere di queste sei donne è stato raccontato attraverso una serie di ritratti e un video diretto da Federico Ghiani, che racconta la loro visione e l’impegno quotidiano verso tematiche green e nel supportare l’innovazione sostenibile.

Nella foto, da sinistra i due artefici di Desserto, Adrián López Velarde e Marte Cázarez, e a destra Roberto Di Stefano

f.p.

stats