NEW YORK FASHION WEEK

La fiesta senza fine di Chiara Boni La Petite Robe

Il jersey sostenibile, da sempre materiale iconico di Chiara Boni La Petite Robe, viene esaltato da una collezione dal vibe allegro e frizzante, dando il benvenuto a elementi iconici del mondo castigliano: dalle sfrontate frange ai maxi fiori, dai pois ai dettagli in plumetis o in seta stampata per la sera.

Abiti che possono trarre in inganno per la loro apparente semplicità quando assumono forme più morbide e rilassate, ma che valorizzano le silhouette femminile: ogni drappeggio o plissé non è considerato nella sua singolarità, ma come parte di una creazione bilanciata, basata sulla relazione tra i vari elementi.  

La seduzione, che fluttua tra maschile e femminile, passa dalle morbide e calde imbottiture dei nuovi capispalla - i cappotti attillati anni Settanta alternati a morbide cappe, che abbracciano il corpo come soffici nuvole - ai pantaloni con il risvolto e a vita alta, nascosta dalle baschine delle giacche avvitate in tessuto Principe di Galles o nelle varianti dello spigato e dei quadri con effetto glitterato. Il tutto è fatto per rendere più provocante il gioco dell’identità di genere.

Senza dubbio le texture fanno da padrone nell’intera collezione: il morbido velluto cede volentieri il passo al jersey, mentre la palette colori, dal nero al rosa, dal giallo lime a verde brillante, crea un’atmosfera energetica, trascinante, di pura creazione.

Un modo per avvicinare la moda a una forma d’arte contemporanea - in questo caso un ballo, il flamenco - giocando su similitudini estetiche e tattili per realizzare capi lussuosi, ma anche poetici e intimi, per regalarci la gioia di una fiesta senza fine, linfa vitale della nostra vita.

Numerosi gli ospiti tra cui, in prima fila ad applaudire la stilista italiana: Cara Kennedy Cuomo con Kyra Kennedy, Lais Ribeiro, Jamie Chung, Janet Montgomery, Marianne Fonseca, Ashley Haas, Tiana Parker, Brooks Nader e l’influencer Veronica Ferraro.

a.c.

NEW YORK WOMEN FW 20-21: CHIARA BONI


stats