NEW YORK FASHION WEEK

Marc Jacobs: uno spettacolo di cabaret, tra modelle e danzatori

Marc Jacobs è uno di quei designer che hanno la capacità di prevedere i segnali di un momento culturale, trasponendoli nei suoi spettacoli. Lo stato del mondo, quello del settore moda nella Grande Mela e il suo stato d’animo sono i temi che ha affrontato presentando la collezione FW 2020/2021, che ha chiuso la controversa settimana della moda di New York.

Il Park Avenue Armory, edificio storico della Guardia Nazionale nonché location preferita dallo stilista da diverse stagioni, è stato trasformato in un esclusivo cabaret, per mettere in scena uno spettacolo trasgressivo o comunque anticonformista.

Decine di tavoli composti di sole tre sedie hanno trasformato il luogo in un set privilegiato ed esclusivo: da un lato c'erano oltre 80 modelle, che si muovevano in modo composto e alquanto altezzoso, interpretando quel sogno americano che Jacqueline Kennedy Onassis ha rappresentato in tutto il mondo.

Dall’altro lato, Jacobs ha mandato in pedana una cinquantina di danzatori della compagnia di Karole Armitage, nota come "ballerina punk" per la capacità di miscelare forme musicali classiche e moderne, in cui i ballerini si muovevano senza un ordine apparente e confondendosi anche tra il pubblico.

Per quanto riguarda la collezione, per lo più priva di stampe o extra ornamenti, ci riporta ad uno stile libero dove il mood rétro degli anni ’60 viene reso contemporaneo e filtrato con un'eleganza stile anni ’90, il periodo di esordio della maison.

Una collezione dalle linee pulite, quella disegnata da Marc Jacobs, ma aereodinamiche: cappotti a tre bottoni, pantaloni a gamba dritta, giacche e miniabiti color pastello, vestiti coperti di paillette e mise da cocktail.

Un guardaroba da sogno, a rappresentare un’epoca in via di estinzione. «Ho fatto riferimento alla mia vita e alla mia carriera – ha dichiarato lo stilista - con in mente la fotografia sbiadita di una New York che scompare, straniera ed esotica nella sua estinzione, ma sempre mitica e chic, con la sua bellezza e speranza, il suo essere scintillante e coraggiosa».

Un cameo è stata la presenza di Miley Cyrus, musa ispiratrice di Marc Jacobs, che ha sfilato indossando pantaloni neri a vita bassa e un reggiseno bralette dello stesso colore. Ai piedi un paio di décolleté dalla punta killer e alle mani un lungo paio di guanti in pelle nera, abbinati a un cappotto a stampa zebrata. Sexy più che mai, scatenando la Rete commenti ed emoji di fuoco.

a.c.

NEW YORK WOMEN FW 20-21: MARC JACOBS


stats