paris fashion week

Chanel ricrea le gole del Verdon al Grand Palais

Chiamarla passerella è riduttivo. Karl Lagerfeld stupisce ancora una volta e per Chanel mette in scena al Grand Palais le gole del Verdon in Alta Provenza, con nove cascate e un pontile di legno sul fiume che scorre. Un inno alla natura, ma abitata da donne ricoperte di pvc.

 

L'omaggio all'habitat naturale è trasposto negli abiti, con tailleur bon ton in versione gonna e pantaloni, ma anche con abiti e tubini nell'iconico bouclé dai toni pastello, camicie con ruche e volant, mantelline impermeabili trasparenti, giacche in vinile, denim con dettagli di plastica, pantaloni in vernice o in tweed sfrangiato. Il tutto remixato, facendo riferimento ai codici stilistici di Madame Cocò.

 

Inutile negare che a colpire, oltre alle applicazioni di cristalli e al gioco di trasparenze, sono gli accessori, soprattutto quelli realizzati in pvc, che si preparano a diventare must-have: cappelli da pescatore, guanti, borse e calzature.

 

Tante le borse, dai modelli a secchiello alle mini pochette, dalle shopping bag alle borse gioiello a forma di bolla ricoperte di strass.
 

Le scarpe e gli stivali sono bassi, con tacco quadrato in plexiglass e punte a contrasto: un tocco ironico per uno show ispirato alla natura, ma dallo stile avantgarde.

 

 

stats