paris fashion week

Chanel: le lezioni di equitazione di Mademoiselle Coco

In scena da Chanel una donna molto femminile e romantica, ma allo stesso tempo sicura e pura nel suo desiderio di libertà. Virginie Viard si è basata sull'intreccio emotivo tra i ricordi di Mademoiselle Gabrielle Chanel - con il suo amore per il cavallo da corsa chiamato Romantica -, una foto di Karl Lagerfeld che indossa un abito a righe con stivali da equitazione e le Parisiennes protagoniste del film Les Biches (Le Cerbiatte) di Claude Chabrol.

Le forme che accarezzano il corpo sottolineandolo, ma senza costrizione alcuna, ricordano le divise da cavallo create da Mademoiselle per le sue amiche: tra queste Misia Sert, Colette, Maria Pavlonova, Vera Bate, Mona Williams e Romy Schneider. Donne che, come lei, avevano un forte appeal, denso di mistero.

Lo charme è palpabile nei cappotti doppiopetto, che si alternano a lunghe mantelle alla moschettiera, e nei pantaloni aperti, che scoprono le gambe grazie ad abbottonature. O ancora, nelle maliziose gonne in tweed con spacchi laterali e negli short portati con crop top, sempre ultrachic.

La palette prevede tonalità di bianco e nero, accendendosi in tocchi vivaci di verde pallido e rosa Chanel.

Anche gli accessori contribuiscono all'idea di assoluta purezza, pensando all'eleganza e passione per il buon gusto di una donna d'altri tempi, calata nel mondo di oggi. 

In evidenza maxi stivali, tracolle matelassé e soprattutto numerosi gioielli, che contribuiscono con la loro allure regale ad arricchire ogni look.

In front row, ad applaudire questo ritorno al passato, le attrici Isabelle Adjani e Anna Mouglalis, la cantante Janelle Monae e la stilista Inès de la Fressange.

a.c.

PARIS WOMEN FW 20-21: CHANEL



stats