Paris Fashion Week

Lanvin: l'estate si fa ludica

Rimasta per lungo tempo nel registro di un abbigliamento classico, Lanvin disegnata da Bruno Sialelli si evolve verso uno spirito ludico e molto contemporaneo. Un esempio? Gli abiti da lavoro che diventano informali, indossati con boot coloratissimi e dalla punta luminescente.

Verso il finale, il défilé - il primo che vede Sialelli al timone stilistico del menswear - prende una piega piacevolmente inaspettata. È infatti la volta di look nei quali le protagoniste sono canotte con lettering su disegni che vagamente ricordano il Matisse del periodo rétour à l’ordre. I tricorni di paglia si candidano a prossimi best seller, mentre ai piedi non passano inosservate le minorchine con i lacci.

Sempre in tema di accessori, divertenti i "pitchou" da portare al collo e pratici gli zaini, mentre le sottili trousse sono perfette per un uomo pronto a salire su uno yacht in Costa Azzurra.

Il must della collezione è però il cardigan con pecorelle a rilievo e la forma curvilinea delle spalle, che si estende a tutta la lunghezza della maglia.

a.c.

stats