PARIS FASHION WEEK

Loewe e l’anatomia del corpo

La collezione Loewe per la primavera-estate 2023, disegnata da Jonathan Anderson, è uno studio sulla forma e sulla tridimensionalità, come se il corpo si annullasse dentro una configurazione naturale, senza aggiungere esercitazioni stilistiche superflue.

«Affinare, moderare, pensare al futuro - scrive il designer in un comunicato -. Un’attenzione alla linea, al colore, alla forma: è la realtà dell’abbigliamento, in costante tensione e con un rigore estremo. La stessa tensione sensuale che ritroviamo nel fiore dell’anthurium, un prodotto della natura che sembra essere un oggetto di design».

Ed ecco sfilare un guardaroba tridimensionale, dove i mini abiti nascono con un busto a forma di camicia per poi allargarsi a corolla sulle cosce, mentre il top a forma appunto di fiore dell’anthurium si poggia su gonne corte e dritte.

Ritroviamo lo stesso esercizio di stile nell’abito cappa, composto da una sovrapposizione di volumi, o nel vestito che nasce da un drappeggio, lasciando i fianchi scoperti.

Gli accessori sono frutto della ricerca di una forma nuova e fondono la tecnicità all’utility: le scarpe, per esempio, sembrano frutto di un processo sperimentale di corolle e decori naturali.

Una collezione che riflette con verve immaginifica il concetto e il prodotto con la stessa percezione: Anderson registra la realtà esterna non nei suoi particolari, ma nel suo insieme. Il risultato è puro progresso estetico.

a.c.

PARIS WOMEN SS 2023: LOEWE


 

stats