paris fashion week

Louis Vuitton: ondate di cambiamento rimodellano il futuro

Per la collezione SS 2022 di Louis Vuitton uomo Virgil Abloh mette in scena la performance artistica Amen Break, diretta da Mahfuz Sultan con un ampio cast di talenti, da Gza, Goldie, Saul Williams, Issa Perica a Caleb Femi, Jim Joe, Kandis Williams, Thelma Buabeng, fino a Octavia Burgel, Lupe Fiasco, Julian Eugene Williams, Damian Eugene Nagisa, Shabaka Hutchings e Malik le Nost.

Una narrazione che vede protagonisti un padre e un figlio con al centro l’idea di trasmissione, ossia l’atto di passare qualcosa da persona a persona, dando vita a ondate di cambiamento attraverso le generazioni.

Amen Break è la rullata che è diventata un elemento fondante dell'hip hop e del jungle ed è stata campionata in migliaia di tracce. Il film, di conseguenza, riflette uno storico momento dell'arte e della cultura Black, con la musica elettronica e l'hip hop come due facce della stessa medaglia.

L'ispirazione è alla storia di Lupe Fiasco, artista e rapper americano cresciuto nel South Side dei Chicago e della società turbolenta delle gang degli anni ’70 e ’80.

In questo clima cruento il padre di Fiasco, un batterista africano membro del Black Panther Party, ha organizzato studi di arti marziali per indicare un percorso alternativo ai giovani della zona, altrimenti destinati a delinquenza e spaccio, e diffondere valori di pace e comprensione. 

Da questa visione scaturisce un guardaroba maschile di 78 look, dove forme e volumi diventano abiti, capispalla, completi pantaloni e meravigliosi soprabiti, bomber e felpe.

I classici tessuti maschili, uniti a quelli di derivazione sportswear, rivivono una nuova texture per definire uno stile pensato per la ripresa dopo l’isolamento.

La palette caleidoscopica di colori evolve dal bianco al policromo, aprendosi a una serie di colori caldi - dal rosso al verde, fino al blu - e formando un arco olografico che rappresenta i sogni di ognuno di noi, tutti desiderosi di ritornare a vivere.

a.c.




stats