PARIS HAUTE COUTURE

Chanel: un'aristocratica estate nel giardino all'italiana

Sulla passerella dell'alta moda di Chanel, che ricostruisce al Grand Palais il giardino all’italiana di Villa Chanel a Roquebrune-Cap-Martin, con al centro una piscina, sfila una donna iconica che da un lato apprezza l'heritage di lusso e, dall'altro, lo interseca con il savoir faire attuale della maison.

Gli stilemi di Mademoiselle Coco sono evidenti nelle creazioni dell’atelier di rue Cambon, come i tailleur lunghi alla caviglia o le giacche lunghe e corte, doppiopetto o senza bottoni, impreziosite da piume e fili metallici intrecciati.

Tutti capi realizzati sartorialmente, frutto di quasi 200 ore di lavoro per ogni singolo modello su misura o addirittura di 1.500 ore per gli abiti da sera con romantiche crinoline, intarsiati di cristalli, che sicuramente vedremo sui prossimi red carpet.

La collezione era ispirata al XVIII secolo tra piume, acconciature di capelli verticali, un make-up caratterizzato da labbra scarlatte e ombretto nei toni del blu (creato da Lucia Pica) e le gonne a coda di pesce - strette fino al ginocchio, dove si allargano -, i fiori tridimensionali e il colorato marabù, come nel complicato outfit indossato da Kaia Gerber, trasformata in una Maria Antonietta contemporanea.

A chiudere la sfilata Vittoria Ceretti, sposa contemporanea in costume di pietre e lungo velo argentato, sulle note di Mina e Alberto Lupo in Parole parole (canzone del 1972). Accanto a lei, inaspettatamente, non il direttore creativo Karl Lagerfeld - pare a letto con l'influenza - ma la creative studio director Virginie Viard.

Nello show sembra che il tempo sia tornato indietro, confinato in uno spazio antecedente al Duemila, all'insegna di evocazioni nostalgiche di una sofisticata aristocrazia che sprigiona allure grazie a un’estetica pulita, precisa e definita, avvolgendo la collezione Chanel Haute Couture primavera-estate 2019  in una bolla fuori dal tempo e dallo spazio, dove a fatica giungono fastidiosi echi del mondo attuale.

a.c.

PARIS HAUTE COUTURE SS 2019: CHANEL





stats