Per la prima volta fuori dalla Cina

Demna Gvasalia porta la couture di Balenciaga a Shanghai

Cinque giorni di eventi per l'alta moda di Balenciaga. Dopo avere riproposto sulle passerelle parigine lo scorso luglio l'haute couture della griffe, assente da 53 anni, Demna Gvaslia ha portato la collezione in Cina per i facoltosi clienti locali che non possono andare all'estero. Un'iniziativa partita lo scorso venerdì, che si articola in una mostra, performance speciali e sessioni di prova. 

«Dal momento che la popolazione cinese non può viaggiare in Europa, ho sentito che era nostro dovere portare lì la 50esima collezione Balenciaga couture. Un momento importante che celebra la cultura, l'artigianato e il patrimonio del marchio con una rassegna che presenta la mia prima collezione couture», ha commentato Demna Gvasalia.


Per l'occasione la linea di alta moda, esposta per la prima volta fuori della Francia, ha trasformato il museo Tank Shanghai in un salone di sartoria, replicando il layout minimalista ma di grande impatto che aveva fatto da background alla sfilata organizzata lo scorso luglio nella sede storica della casa di moda, in avenue George V.

19 look della 50esima collezione couture della griffe - uno dei quali è stato realizzato ad hoc per l'evento - sono stati esposti su manichini trasparenti che danno l'impressione di fluttuare in un grande spazio circolare. Altri 11 look occupano un'area dedicata alle creazioni su misura.

Attualmente la griffe ha 39 punti vendita in Cina.

A cura della redazione
stats