PITTI UOMO 95

Au197Sm svela il nuovo menswear con i «Climbers del futuro»

A circa tre anni di distanza dall'avanzata nella moda con il prêt-à-porter donna, il marchio di luxury streetwear Au197Sm, che fa capo a Belumbury Fashion Group di Stefano Maccagnani (imprenditore poliedrico che dal 2000 opera in diverse realtà industriali, dal settore automotive a quello bio-medicale), porta a Pitti Uomo la prima collezione maschile.

«Au197Sm - racconta il direttore artistico Paola Emilia Monachesi - aveva già fatto un'incursione nel segmento uomo con alcuni outfit, ma la nostra presenza a Firenze sancisce il debutto di una collezione completa e articolata».

«L'abbiamo chiamata "Climbers" - prosegue - utilizzando la retorica dell'arrampicata per rappresentare la propensione a raggiungere la cima, qualsiasi sia l'ambito in cui si opera, alla perenne ricerca di nuovi orizzonti da conquistare»

L'offerta si articola in 120 modelli componibili, che «uniscono performance high-tech e grande maestria couture»: i moschettoni si alternano agli inserti catarifrangenti, riflettenti e iridescenti, grazie alle applicazioni in oro e metalli preziosi e le fusioni a ultrasuono, che caratterizzano il concept di Au197Sm sin dal suo esordio.

Prossimo appuntamento per il brand sarà Pitti Bimbo, quando Au197Sm svelerà al pubblico degli addetti ai lavori Tot: un total look per bambini e bambine dai 4 ai 14 anni con abbigliamento e accessori, con lo stesso fil rouge in chiave high-tech del brand, unito all'utilizzo di materiali nuovi a misura di bambino, com l'ovatta naturale leggera in soia, utilizzata per l'imbottitura di alcuni capispalla.

a.t.
stats