pitti uomo

Il Salon of Excellence apre le porte a Nino Cerruti e Carlo Pignatelli

Riflettori puntati su Nino Cerruti (nella foto), Carlo Pignatelli e altri protagonisti del fashion system in occasione della nona edizione del Salon of Excellence, organizzato a Firenze da De Gorsi Luxury Consultancy, in sinergia con la Camera Italiana Buyer Moda. Appuntamento stasera (9 gennaio) a Palazzo Capponi Vettori.

 

Al Salon of Excellence confluiscono il dna sartoriale del made in Italy e le nuove correnti di innovazione.

 

In quest'ottica, tra gli highlight di stasera c'è una selezione di sartorie emergenti italiane e straniere, che si sfidano in un New Sartorial Thread: selezionate dal Lanificio F.lli Cerruti, interpretano in base al loro stile i tessuti della storica maison biellese.

 

Di scena, dunque, Angel Bespoke (New York), Sartoria Cuomo (Napoli), Sartoria Fain (Ucraina), Stark & Sons (Parigi), Sartoria Chiaia (Napoli) e A. Caraceni (Milano).

 

Il fondatore del Lanificio F.lli Cerruti, Nino Cerruti, partecipa a una tavola rotonda sul futuro del bespoke tailoring nell'era digitale: al tavolo dei relatori insieme a lui Beppe Angiolini (Camera Italiana Buyer Moda), la compratrice internazionale Alessandra Danieli e Marc Sondermann, direttore della nostra testata, media partner dell'evento.

 

Ma il Salon of Excellence non si ferma qui. A Palazzo Capponi Vettori non manca un altro nome di spicco della sartorialità italiana, Carlo Pignatelli, che dopo molti anni di assenza da Pitti Uomo sceglie questa sede per presentare la sua nuova collezione cerimonia.

 

Dulcis in fundo, le nuove realtà di Fashion Frames, che porta in scena marchi destinati alla donna: Berg Jewels (gioielli artigianali), Alef (borse e pelletteria), O' Jour (calzature di lusso, disegnate da Giorgia Caovilla) e le proposte moda di Nadir Maut.

 

Si focalizza invece sull'uomo Master of Craftsmanship, nel cui contesto viene premiato il Lanificio F.lli Cerruti.

 

stats