pmi

Pattern, Camicissima, Ubc e Sparco nell'Elite di Borsa Italiana

Ci sono anche quattro aziende di abbigliamento e accessori tra le 44 società (31 italiane e 13 inglesi) ammesse al programma Elite di Borsa Italiana, dedicato alle imprese ad alto potenziale di crescita. Si tratta di Pattern, Camicissima, Ubc e Sparco.

 

Nata nel 2000 da un'idea di Fulvio Botto e Francesco Martorella, il gruppo Pattern è specialista nella progettazione, ingegneria, sviluppo, prototipazione e produzione di linee di abbigliamento uomo e donna per le griffe che sfilano alle fashion week internazionali. Nel 2014 ha acquisito Esemplare, brand già posizionato in circa 200 negozi nel mondo, riportandolo in Italia. Nel 2015 ha raggiunto un fatturato di circa 24,5 milioni (di cui il 75% realizzato all'estero) e prevede di raggiungere i 26 milioni nel 2016.

 

Fenicia, azienda a cui fa capo Camicissima, è stata fondata nel 1931 da Giovanni Candido e oggi è totalmente detenuta da Fabio e Sergio Candido (nella foto). Oltre che in Italia, è presente in 16 Paesi con oltre 220 store. Con un fatturato 2015 pari a 47 milioni di euro, in crescita di circa il 5% sull'esercizio precedente, punta a raggiungere i mille punti vendita monomarca entro i prossimi quattro-cinque anni.

 

Ubc (United Brands Company) è un'azienda di calzature e abbigliamento di base a Vicenza, che in portafoglio ha licenze di brand storici come Sergio Tacchini e Carrera. All'inizio del 2015 ha siglato un accordo per la produzione e distribuzione in tutto il mondo delle collezioni di scarpe uomo, donna e bambino a marchio Enrico Coveri Sportswear. Il giro d'affari supera i 35 milioni di euro.

 

Quanto a Sparco, si tratta di una realtà attiva soprattutto nei settori racing-motorsport e prodotti in carbonio per automotive. Fondata nel 1977, occupa 700 dipendenti, di cui la metà nel nostro Paese e fattura 65 milioni di euro. L'obiettivo per i prossimi tre anni, come ha annunciato in occasione dell'evento a Palazzo Mezzanotte il presidente Aldo Bellazzini, è di arrivare a quota 100 milioni di euro.

 

Con i nuovi ingressi italiani e inglesi, la community Elite raggiunge un totale di 442 aziende con ricavi aggregati che superano i 37 miliardi di euro per oltre 160mila posti di lavoro in tutta Europa.

 

stats