polemiche

Modella magra e sottomessa: Saint Laurent nella bufera per l'ultima campagna

L'ultima campagna pubblicitaria di Saint Laurent scatena una bufera mediatica. Come indica l'hastag #YSLRetireTaPubDegradante ("Yves Saint Laurent ritira la tua pubblicità degradante"), la polemica è scattata dopo che la nuova campagna pubblicitaria autunno/inverno 2017 della griffe è comparsa per le vie di Parigi, con un soggetto che metterebbe in mostra un'immagine sbagliata della donna.

 

Due i manifesti che hanno shockato i parigini: nel primo si vede una modella, con la testa appoggiata su uno sgabello, le gambe divaricate e le braccia penzoloni. Magrissima, indossa un body a pois e calze a rete. Ai piedi scarpe coi tacchi a spillo e pattini a rotelle. Nella seconda immagine, la top Fernanda Oliveira appare invece seduta a terra con le gambe divaricate.

 

Scattata dal duo di fotografi Inez e Vinoodh, in poche ore l'avdertising ha sollevato un polverone di polemiche in rete, dove è stata bollata come "umiliante", "inaccettabile", "degradante" e "vergognosa".

 

Contattata dalla freepress francese 20 Minutes, la griffe che fa capo al gruppo Kering ed è guidata da Francesca Bellettini ha preferito non commentare la vicenda. La mobilitazione online è stata talmente imponente nel corso del fine settimana (in cui tra l'altro a Parigi erano in pieno svolgimento le sfilate) che l'ARPP, l'authority francese per la regolamentazione della pubblicità, ha confermato di aver ricevuto diverse lamentele e segnalazioni ufficiali.

 

«Venerdì è arrivata la prima - ha detto Stéphane Martin, direttore generale dell'authority al quotidiano francese - poi ne sono state depositate una quindicina. Il giudice esaminerà l'ammissibilità di queste lamentele, interpellerà Yves Saint Laurent ed eventualmente coloro che si sono occupati di diffondere questa pubblicità».

 

 

stats