primo défilé in cina per tisci

Burberry: in aprile volerà a Shanghai con la collezione autunno-inverno 2020

La collezione autunno-inverno 2020 di Burberry, di scena il 17 febbraio a Londra durante la London Fashion Week, tornerà alla ribalta giovedì 23 aprile a Shanghai. Parte del programma di attività focalizzate sulla Cina, lo show includerà nuovi look donna e uomo, creati per l'occasione e acquistabili in modo esclusivo nel Paese asiatico.

«Creare coinvolgimento e ispirare i clienti cinesi è uno degli obiettivi principali di Burberry nel 2020», si legge in una nota. Per questo il brand ha aperto l’anno con la campagna dedicata al Lunar New Year e una collezione in edizione limitata, supportata da un gioco online in onore dell’Anno del Topo.

Sempre quest'anno, precisamente entro la prima metà, Burberry aprirà un punto vendita a Shenzhen Bay, come parte della collaborazione con il colosso della tecnologia Tencent. Il negozio unirà social media e retail, in modo da offrire un’esperienza unica alla clientela, all'insegna della massima interazione tra online e offline. Attualmente i monomarca della label in Cina sono 61, su un totale di 223 a livello globale (dato di fine settembre 2019), 148 concessioni, 52 outlet e 44 vetrine in franchising. 

La Repubblica Popolare, come ricorda il ceo Marco Gobbetti, è uno dei mercati più importanti per la griffe. «Nei prossimi 12 mesi - anticipa - focalizzeremo le nostre comunicazioni su luoghi di massima visibilità. L'obiettivo è intensificare il legame emotivo che stiamo costruendo con i clienti, che vogliamo continuare ad ispirare. La sfilata è solo l’ultimo di una serie di eventi pianificati quest’anno nel Paese del Dragone».

«I miei primi anni in Burberry sono serviti a definire la nuova identità del brand - commenta il chief creative officer Riccardo Tisci -. Ora siamo pronti per portare questa visione al di fuori di Londra, in un modo nuovo e inaspettato».

Per Tisci questo è il primo défilé «in una nazione che mi ha sempre supportato molto e lo considero il culmine di tutto il lavoro che io e il team abbiamo fatto sin dall’inizio». «Sarà la celebrazione delle nostre collezioni e del nostro nuovo spirito - conclude lo stilista - in una delle città più innovative e stimolanti del mondo».

a.b.
stats