Scarpe e jeans i più recuperati

Abiti riciclati: Italia settima nella classifica europea, Irlanda leader

La moda riciclata esce dalla nicchia di sperimentazioni e start up innovative per diventare popolare, come dimostrano le ricerche effettuate con la parola chiave su internet. Lo dimostra un'analisi recentemente pubblicata da Save On Energy, una società di consulenza britannica per il risparmio sulle tariffe elettriche. 

Secondo il report il riciclo è diventato un tema ricorrente nella moda, con un exploit particolare durante i mesi di lockdown. Numeri alla mano, le ricerche su Google per "quando apriranno i centri di riciclaggio" dopo che molti sono stati chiusi a causa di Covid-19 sono aumentate del 500%.

Ma qual è il Paese, che in Europa è stato più impegnato nell'organizzare armadi e a riciclare vecchi vestiti? Secondo Save On Energy la ricerca di moda con la parola "recycling" si è concentrata in Irlanda dove, negli ultimi 30 giorni, 12.670 persone si sono rivolte a Google per informarsi su come riciclare i vestiti. Seguono Germania (9.390) e Paesi Bassi (6.840). L'Italia è settima con 3.810 ricerche, mentre i fanalini di coda in classifica sono Paesi come il Lussemburgo, la Slovenia e la Slovacchia, dove le persone che in un mese cercano le parole chiave "riciclo dei vestiti" sono comprese tra 270 e 330. 

I dati relativi alla ricerca indicano pure che calzature e jeans si contendono il primato per quanto riguarda le categorie merceologiche più riciclate. Le scarpe sono l'articolo di abbigliamento più riciclato nel 70% dei mercati nella Top10, tra cui Irlanda, Paesi Bassi e Spagna. Mentre i jeans risultano essere i più "upcycled" nel 30 per cento Paesi top ten, tra cui l'Italia insieme a Germania, e Francia.

an.bi.
stats