scuole

Ied: sfilata al Pirellone con super-tutor. Due premi per i più meritevoli

Hanno sfilato ieri sera (20 giugno) in una delle location iconiche di Milano, il belvedere Enzo Jannacci di palazzo Pirelli, gli outfit dei migliori allievi del terzo anno del corso di Fashion Design dello Ied: in passerella 12 minicollezioni, che rivisitano la teoria della "forma finita" di Gio Ponti. Istituito il premio Franca Sozzani.

 

Il grattacielo progettato dallo stesso architetto milanese, oggi sede del Consiglio Regionale della Lombardia, è diventato terreno di sperimentazione per ripensare la forma odierna, «La Forma (In)finita», come hanno sintetizzato con le loro creazioni le nuove leve dell'Istituto Europeo di Design.

 

Le 12 collezioni sono il risultato di un percorso in cui gli studenti sono stati affiancati e guidati da nomi di spicco nel mondo della moda, in veste di relatori e tutor.

 

Alcuni sono designer che hanno creato un proprio marchio omonimo, come Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi di Aquilano.Rimondi, Andrea Pompilio, Lucio Vanotti, Chicca Lualdi, Tomaso Anfossi e Francesco Ferrari di Co|Te.

 

Altri lavorano per importanti maison, come Alberto Caliri (Missoni), Quentin Bernard (Moschino) e Katiuscia Fagiolini (Pierre Balmain).

 

Dopo un processo di selezione, in pedana sono saliti solo i progetti migliori, quelli che si sono distinti per «ricercatezza estetica, elaborazione del concept, innovazione nell’utilizzo delle forme e dei materiali», come spiegano gli organizzatori.

 

Tra la rosa di 12 stilisti in erba, due di loro si sono aggiudicati anche lo "Special Award", istituito in onore di Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre scorso e per oltre dieci anni direttore scientifico della Scuola di Moda di Ied Milano, e il "Pitti Tutorship Reward", creato quest'anno da Pitti Immagine e destinato ai neo-graduate delle scuole di Fashion Design.

 

I vincitori sono rispettivamente Antonio D'Addio, premiato da Sara Sozzani Maino, senior editor di Vogue Italia e Head of Vogue Talents, ed Eros Tolentino, che ha ricevuto il riconoscimento dal Tutorship director Riccardo Vannetti.  

 

Ied Milano, guidato dalla direttrice Sara Azzone, è parte di un network di 11 scuole, presenti, oltre che nel capoluogo lombardo, a Torino, Roma, Firenze, Venezia, Cagliari, Como, Madrid, Barcellona, San Paolo e Rio de Janeiro (nella foto di Giulia Torra, un modello firmato Eros Tolentino).

 

stats