Sfilata SS23 a venice beach

Dior Men: il clash gym tra Kim Jones ed Eli Russell Linnetz (E.R.L.)

Un filo sottile unisce l’atelier di avenue Montaigne di Dior e il lungomare sulla Pacific Avenue di Venice Beach, teatro dello show SS23 della collezione maschile della griffe, disegnata da Kim Jones.

Per l’occasione Jones ha unito le forze con Eli Russell Linnetz, fondatore del marchio super cool E.R.L., nonché finalista dell’Lvmh Prize 2022, con cui è stata messa a punto Dior guest designed by E.R.L., una collezione a tutti gli effetti, non una semplice capsule. «Sono cresciuto a Venice Beach - ha detto Linnetz dietro le quinte dello show -. Conosco benissimo questa strada, diciamo che era quasi il mio cortile di casa».

La storia di Linnetz sembra uscita da un film di Hollywood, partendo dai suoi studi dedicati al cinema per poi diventare video maker, facendosi le ossa nello studio di Kanye West, dirigendo video per artisti del calibro di Teyana Taylor. Il creativo non si è risparmiato una carriera di fotoreporter, annoverando anche Lady Gaga tra le celebrities immortalate.

Alla moda Eli arriva nel 2018 grazie ai suggerimenti di Adrian Joffe, anima creativa di Comme des Garçons e Dsm-Dover Street Market, che lo convince ad avviare un suo brand durante l’opening di Dsm a Los Angeles. Ieri sera il suo debutto sulla passerella del marchio francese, con modelli dove l'ispirazione alle subculture californiane si fonde con rimandi al dna del brand.

«Nel corso del mio viaggio da Dior sono state diverse le collaborazioni - ha spiegato Kim Jones alla stampa intervenuta - ma stavolta ho voluto andare in una direzione differente, scegliendo un altro sguardo che potesse leggere la maison e il suo universo»

Da qui l’intesa con E.R.L., «che ammiro profondamente - ha precisato Jones -. Ho voluto vedere le cose da un punto di vista differente, quello di un giovane dalla creatività incredibile. Il percorso è stato molto semplice e rivelatore: ci ha fatto capire perché tutti e due lavoriamo nella moda».

In pedana skater, surfer e young & cool kid dallo spirito libero, in un melting pot di ricami preziosi e colori ispirati alle spiagge hollywoodiane. Dall’unione di lurex e sportswear nascono imbottiture o tailoring super raffinati, mentre la maglieria over da skater ha una modellistica da atelier, grazie ai cannage ricamati di luce.

Linnetz e Jones si sono divertiti molto anche a inventare gli accessori. Secondo Linnetz, i cappelli portapillole indossati all'indietro con veli di perline sono un accenno sfacciato a Jackie O’, mentre  le minuscole Saddle Bag, adornate da tracolle over di catene dorate erano una versione molto elevata del classico portafoglio portachiavi da skater, sono destinate a essere un best seller per i ragazzi della moda streetwise di Dior Men, assieme alle colorate e ingegnose sneakers XXL.

a.c.
 

stats