sfilate

La London Fashion Week Men's restringe gli orizzonti

Sono una sessantina gli appuntamenti previsti nel calendario ufficiale della London Fashion Week Men's, a Londra dall'8 al 12 giugno con, tra gli altri, Vivienne Westwood, Chalayan e Belstaff. Ma mancano molte griffe di rilievo tra cui JW Anderson, che sceglie Pitti Uomo come palcoscenico d'elezione.

 

Si comincia la sera di giovedì 8 giugno, con il fashion show del Royal College of Art e con i festeggiamenti del quinto anniversario della manifestazione, il cui epicentro sono The Store Studios.

 

Tra i protagonisti del 9 giugno vanno segnalati Barbour International, Nigel Cabourn (che presenta sia l'uomo che la donna), Oliver Spencer, Dunhill London e Topman Design.

 

Il 10 giugno è la volta di Songzio, E. Tautz, Lou Dalton, John Smedley (anche in questo caso si parla di uno show co-ed, con proposte "see now-buy now") e Cottweiler in tandem con Reebok, per citare alcuni nomi.

 

L'11 giugno è il giorno di Chalayan, Christopher Raeburn (sempre co-ed), Hackett London & The Henley Royal Regatta Event e Band of Outsiders.

 

Si termina il 12 giugno con una colazione organizzata da Burberry, che come è noto va in pedana solo in febbraio e settembre. Sotto i riflettori Craig Green, Belstaff e Vivienne Westwood - entrambi con le proposte maschili e femminili -, Michiko Koshino, Ben Sherman e Asos Menswear (nella foto, l'uomo di Vivienne Westwood per l'autunno-inverno 2017/2018).

 

stats