sfilate a londra

London Fashion Week: in campo anche Buckingham Palace

La London Fashion Week entra nel vivo, con gli Store Studios al 180 di The Strand come epicentro: iniziata ieri, 15 febbraio, con alcuni eventi, oggi schiera tra gli altri Mulberry e Xu Zhi, giovane designer in ascesa. Dopo 13 anni Topshop dà forfait ma a dare man forte alla kermesse arriva la famiglia reale - in particolare Kate Middleton - che apre le porte di Buckingham Palace a un progetto di moda etica realizzato nel Commonwealth.

 

La manifestazione porta in scena 47 sfilate, 28 presentazioni e 32 eventi. Domani, 17 febbraio, è la volta di JW Anderson, Osman, Simone Rocha, Jasper Conran, Markus Lupfer, Gareth Pugh e Burberry, che si appresta a salutare Christopher Bailey, le cui dimissioni saranno effettive tra un paio di mesi. La griffe sceglie ancora una volta la formula see now, buy now e porta in pedana sia l'uomo che la donna.

 

Tra i protagonisti del 18 febbraio spiccano Temperley London, Preen by Thornton Bregazzi, Roland Mouret, Margaret Howell, Delpozo, MM6 Maison Margiela, Mary Katrantzou (che recentemente ha ceduto una quota di minoranza alla giovane tycoon cinese Wendy Yu) e Peter Pilotto.

 

Il primo nome on schedule il 19 febbraio è Pringle of Scotland - brand iconico, ma che sta attraversando una fase difficile, come attesta il deficit al lordo delle imposte di 5,4 milioni di euro, a fronte di un fatturato di 5,6 milioni, nell'ultimo esercizio fiscale -, seguito da Paul Costelloe, Roksanda, Erdem, Marques'Almeida, David Koma, Christopher Kane e Nicopanda: la collezione disegnata da Nicola Formichetti occupa, insieme a House of Holland, il mega spazio in Floral street (zona Covent Garden) allestito da Topshop. Il retailer diserta per la prima volta la passerella, dove era presente dal 2005, concentrandosi su questo format.

 

A contendere i riflettori alle griffe il 19 febbraio sarà nientemeno che Kate Middleton. La Duchessa di Cambridge, e con lei la Royal Family, sostiene insieme a Livia Firth (fondatrice di Eco-Age) The Commonwealth Fashion Exchange: 31 stilisti e 26 artigiani provenienti dai 53 Paesi del Commonwealth hanno realizzato una collezione all'insegna della sostenibilità, esposta non in una location qualsiasi, ma a Buckingham Palace. Nell'iniziativa sono coinvolti anche Swarovski, The Woolmark Company e Matchesfashion.com.

 

Ogni gruppo di designer, in base a una suddivisione per nazionalità - per il Regno Unito partecipano Burberry e Stella McCartney - ha creato un look e il risultato della "collettiva" sarà visibile anche dal grande pubblico a partire dal 21 febbraio, nell'Australia House e in altre sedi.

 

Tra i nomi di scena il 20 febbraio da tenere presente Richard Quinn, 28enne stilista vincitore dell'H&M Designer Award 2016, che ha conquistato tra le altre celebrity Lady Gaga (nella foto, lo show di Christopher Kane alla scorsa edizione della London Fashion Week).

 

stats