sfilate

Edizione di transizione per la Nyfw: Men's

Imaxtree

Il grande cambiamento avverrà nel 2019, quando le sfilate maschili di New York anticiperanno durante la prima settimana di giugno, in concomitanza con la New York Fashion Week: June, manifestazione che ha esordito il mese scorso.

Ma ancora stavolta la Nyfw: Men's si svolge nel mese di luglio (da oggi, 9 luglio, all'11), con la Cadillac House presso gli Industrial Studios come epicentro, ma anche numerose location sparse per la città, che per l'occasione aprono i battenti alla moda.

Un'edizione in cui saltano all'occhio le assenze di Tom Ford, che a febbraio aveva allestito due show, uno al maschile e uno al femminile, e Raf Simons, che ha scelto Parigi come sede del suo show.

Giunta al settimo appuntamento, per la prima volta in concomitanza con il Fashion Future Graduate Showcase (che schiera sempre agli Industrial Studios 53 giovani diplomati di otto scuole, tra cui il Fit, la Parson's School of Design e il California College of Arts), la rassegna porta in scena 48 griffe.

Rag&Bone dà il calcio d'inizio e Todd Snyder (nella foto) chiude il cerchio l'11 luglio, giorno in cui Public School - marchio che fa riferimento a Dao-Yi Chow e Maxwell Osborne - organizza un evento.

Tornano in calendario Abdul Abasi e Greg Rosborough di Abasi Rosborough, Emily Adams di Bode, Christopher Bevans di Dyne e Willy Chavarria. Nomi poco noti da questa parte dell'oceano, come del resto le new entry: il brand Nihl disegnato da Neil Gotzinger, ex allievo della Parson's, United States Navy in capo a Kenneth Nicholson, Victor Li la cui direttrice artistica è Claudia Li, il collettivo olandese tutto al femminile Reconstruct e Swonne by Katie Golinczak, label con il denim come core business.

Tra gli sponsor, saltano all'occhio Cadillac e Tmall di Alibaba, insieme a SoHo Grand, Lifewtr, Suntchi, Launchmetrics, New York Times, Skylight Group, Wwd e Tumblr.

Un nome che non ci si aspetterebbe tra i sostenitori è quello di Cartoon Network, alla cui serie animata Adventure Time si ispira una capsule, lanciata per l'occasione da Landlord, la griffe di Ryohei Kawanishi.

a.b.
stats