Show il martedì in chiusura di kermesse

L'uomo Gucci torna a sfilare a Milano e la fashion week si allunga

Gucci torna a separare le sfilate uomo e donna: a gennaio presenterà a Milano la collezione maschile dedicata alla fall-winter 21 con uno show fissato per martedì 14, che chiuderà la fashion week aggiungendo di fatto un giorno al calendario ufficiale.

 

Proprio la maison della doppia G era stata tra i primi big brand a decidere di riunire le collezioni maschili e femminile in un unico grande show (febbraio 2017), innescando un effetto domino che aveva portato molte aziende a disertare l'appuntamento con le sfilate di gennaio e giugno.

 

La decisione è stata annunciata dall'amministratore delegato Marco Bizzarri attraverso una lettera indirizzata a Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, esa pubblica a mezzo stampa.

 

Nella missiva il numero uno di Gucci fa riferimento all'ottimo lavoro di squadra compiuto da Cnmi e dalle maison made in Italy durante l'ultima fashion week donna di settembre. «Un’esperienza preziosa, sulla quale costruire ulteriori iniziative comuni», scrive Bizzarri.

 

«È bello - prosegue nella lettera il top executive - lavorare tutti insieme anche per la settimana delle sfilate maschili: inserire un giorno in più è la scelta giusta per aggiungere rilevanza e prestigio, restituendo agli show uomo di Milano il ruolo che meritano».

 

Resta da vedere l'impatto che avrà questa decisione sul calendario della kermesse. Tre anni fa, quando Alessandro Michele aveva optato per la formula co-ed, in molti avevano seguito l'esempio. Tra i big brand che a settembre avevano sfilato co-ed, oltre a Gucci, c'erano Bottega Veneta e Missoni. Invece altri nomi come Armani, Etro e Salvatore Ferragamo hanno testato, ma subito accantonato, l'opzione uomo e donna insieme.

 

Ora il vero interrogativo sulla fashion week del menswear è se il calendario potrà contare sul nome di Prada, assente all'edizione di giugno.

an.bi.
stats